ROSABÈLLE CECURIARE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro: “LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA” di Giuseppina Bellucci 

Rosabèlle cugghjéve i cecoreje de cambagne e i jéve a vènne o palazze d’u rrè.

‘A vedíje u prengepíne e se ne jíje de cape. Ndeméne sa vuléve spusà!

‘A reggíne, mò, nen vuléve, pecché vuléve fa spusà u prengepíne che ‘na figghje de rrè; ce facíje canosce ‘a figghje d’u rrè peluse, ma u prengepíne n’a vuléve.

Allore, ‘a reggíne chiamaje a sta cecuriare e i decíje: “Tu te coleche trè notte c’u prengepíne e me dà tutte quille che isse t’arrijale”.

Rosabelle accettaje.

U prengepíne tutte cundènde ogne notte i rrijalave ‘na bbèlla cose: ‘na cínde tutta d’óre, ‘na spille e n’anille de diamande.

Èssa s’ammucciave e decéve che n’avéve avute ninde.

‘A quarta notte ‘a cacciarene e mettíjene ndo litte ‘a figghje d’u rrè peluse.

Quanne u prìngepe turnaje d’a cacce, i facirene truvà u palazze tutt’a scúrde e decíjene che a mugghjére suje nen se sendéve bbòne.

U prìngepe jíje citte citte e i ddummannaje: ”Cúme staje, che te sinde core míje?”.

Èssa nen respunneve pe nze ffà canosce d’a voce.

Mò, jíje isse e l’abbrazzaje e sùbbete s’addunaje che nen ère Rosabelle e se metteje a lucculà: “Pe trè notte me songhe culecate che ‘na rose e a quarta notte che ‘na brutta pelose” e ‘a cacciaje.

Ma Rosabelle abbetave sola sole nda ‘na case lundane lundane e chiagnéve tutt’i júrne, però quanne i cumbagne a jévene a sfruculijà, s’assciugave l’úcchje e decéve:

“Assa fà a Ddíje che u figghje d’u rrè add’èsse u míje”.

U prìngepe desperate se mettíje a cavalle e ‘a jéve truvanne pe tutte u munne e stéve sèmbe scunzulate e afflitte.

Mò passaje u timbe e Rosabelle sgravaje nu bbèlle crijatúre tale e quale o prìngepe, u mettéje nda ‘na cèste c’a cinde d’óre, a spille e l’anìlle e u mannaje o palazze.

U rrè e ‘a reggíne, appéne u vedírene, ndendirene tutt’u fatte e u prengepíne sscènneje a quatte a quatte i scale pe jìrese a pigghjà Rosabelle che aspettave abbassce, chiagnènne.

 

ROSABELLA LA VENDITRICE DI CICORIA

Rosabella raccoglieva le cicorie di campagna e le andava a vendere alla reggia del Re.

La vide il Principino e se ne innamorò, tanto che la voleva sposare.

La Regina, non voleva perché voleva far sposare il principino con la figlia di un re; gli fece conoscere la figlia del Re peloso, ma il Principino non la voleva.

Allora, la Regina chiamò a questa venditrice di cicoria e le disse: “Tu devi andare a letto per tre notti con il principino e mi devi dare tutto ciò che lui ti regala”.

Rosabella accettò.

Il principino, tutto contento, ogni notte le regalava una cosa bella: una cinta d’oro, una spilla e un anello con i diamanti.

Lei nascondeva tutto e diceva che non aveva avuto nulla.

La quarta notte, la cacciarono e misero nel letto la figlia del Re peloso.

Quando il Principe tornò dalla caccia, gli fecero trovare il palazzo tutto al buio e gli dissero che “sua moglie” era indisposta.

Il Principe andò in silenzio e le chiese: “Come stai, cosa tisenti cuore mio?”.

Lei non rispondeva per non farsi riconoscere dalla voce.

L’abbracciò e subito si accorse che non era Rosabella e cominciò a gridare: “Per tre notti sono stato a lettocon una rosa e la quarta con una brutta pelosa” e la cacciò.

Rosabella abitava tutta sola in una casa molto lontana e piangeva tutti i giorni, prò quando l’andavano a sfottere, si asciugava gli occhi e diceva: “Lascia fare a Dio che il figlio del Re dev’essere mio”.

Il Principe, disperato, si mise a cavallo e andò a cercarla per tutto il mondo e stava sempre triste e depresso.

Il tempo passò e Rosabella partorì un bel bambino che rassomigliava al Principino, lo mise in una cesta con la cinta d’oro, la spilla e l’anello e lo mandò alla reggia.

Il Re e la Regina, appena lo videro, capirono tutto il fatto e il Principino scese velocemente le scale del palazzo per andarsi a riprendere Rosabella, la quale aspettava giù piangendo.