SACC’E CCÓME ME TRÓVE…..

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Tande e ttand’anne arréte, quanne murìje u vèscuve de Lucére e sse n’éva fà n’àvete, u Capìtele, i prìvete e i mùnece tutte quande jìren’a spettà nd’a cchjisa granne, quill’atu vèscuve ch’éva rrevà pe pegghjà u pòste rumaste vacande. Ma spitt’e spitte, nze ppresendàje nessciune.

Allóre, dòppe ca passàje n’atu bbèlle póche de timbe, se vutàje u canòneche cchjù grusse d’ètà d’u Capìtele e ddecìje: “Sendìt’a mmè, viste ca qqua nz’appresènde nessciune, mò’ l’ùneca cóse facìme accussì. Craje, a prim’óre, quanne u sagrestane aràpe ‘a pòrte d’a cchjìse, u prime crestijane chè trase a quille amma fà vèscuve….. Vòldìre ca quèste éje ‘a vulundà de Ddije e nuje accussì facìme, sennò a qqua amme vògghje a spettà….”.

Stu trascurze piacìje a ttutte quande e ffacìrene pròbbete cum’éve ditte stu canòneche.

U crajèmmatine, quanne ambacc’e séje accussì ‘a cambane sunàje matutine, u sagrestane asscìje d’a sagrestìje e, ddinde pe ddinde, a l’use suje, jij’a rrapì ‘a pòrte.

Arrèt’a pòrte stéve già nu crestijane chè, prime de jì ffategà ngambagne, se vuléve sènde ‘a mèsse.

Allóre u sagrestane u vedìje e ssùbbete u facìje trasì.

Mò’ chè ssuccedìje? Quanne quiste trasìje nd’a cchjìse, pròpreje cum’èvene stabbelìte u jurne prime, allassacrése se mettìjen’a llucculà: “Èvvive, èvvive, èvvive!”.

Po’’ tutt’anzìme, canùnece, prìvete e mmùnece, s’andenucchiàrene e sse mettìren’a ddì: “Ddije n’avaste a rrengrazzjarte… Ddije n’avaste a rrengrazzjarte…”.

A l’ùteme s’agavezàrene, u pegghjàrene mbrazze e u purtàrene mbrecessióne.

U crestijane, mbambalute a ccume stéve, se maravigliave e ddecéve: “Uè, e mmò’ ch’è ssuccisse? Chè éje stu fatte?!…. Stènghe sunnanne o éje addavéremènde?….”.

Poò’, sendènne ca quille, tramènde u purtàvene mbrecessióne, cundunuuàvene a llucculà: “Èvvive, èvvive, evviv’a mmenzegnóre!…. Ngrazzi’a Ddije, evviv’a mmenzegnóre, èvvive!…. Ddije, n’avast’a rrengrazziarte….”, decìje isse e isse: “Eh, mò’ agghje capìte, a qqua so ghije menzegnóre, u vèscuve de Lucére…”.

Allóre che ffacìje? Avezàje ‘a mane e, tramènde benedecéve a ttutte quande facènne u sègne d’a cróce, candave: “Sacc’e ccóme me tróve e ssacc’e ccóme me tróve… Sacc’e ccóme me tróve  e ssacc’e ccóme me tróve…”.

 

E CHE NE SO COME MI TROVO QUI……

Tanti e tanti anni fa, quando morì il vescovo di Lucera, e se ne doveva eleggere un altro, il Capitolo, i preti e i monaci tutti andarono ad aspettare nel duomo l’altro vescovo che doveva arrivare per prendere il posto rimasto vuoto. Ma, aspetta e aspetta, non si presentò nessuno.

Allora, dopo che passò ancora altro tempo, il canonico più anziano del Capitolo prese la parola e disse: “Ascoltatemi, visto che qua non si presenta nessuno, l’unica cosa è fare così: domani, di buon mattino, quando il sacrestano aprirà la porta della chiesa, il primo che entrerà in chiesa quello lo dobbiamo proclamare vescovo…. Significa che questa è la volontà di Dio e noi così facciamo, altrimenti possiamo aspettare all’infinito….”. Questo discorso piacque a tutti e fecero proprio come aveva suggerito il canonico.

L’indomani, quando la campana verso le sei suonò mattutino, il sacrestano uscì dalla sacrestia e, dall’interno, come al solito, andò ad aprire la porta. Dietro la porta c’era un tale, che prima di recarsi a lavorare in campagna, voleva ascoltare la messa. Allora il sacrestano lo vide e lo fece subito entrare.

Allora che cosa accadde? Quando questo entrò nella chiesa, proprio come avevano deciso il giorno prima, all’improvviso si misero a gridare: “Evviva, evviva, evviva”. Poi tutti insieme, canonici, preti, e monaci, s’inginocchiarono e si misero a dire: “Dio ti ringraziamo…. Dio ti ringraziamo….”. Alla fine si alzarono, lo sollevarono in braccio e lo portarono in processione.

L’uomo, tutto frastornato, si meravigliava e diceva: “Ehi!, ed ora che succede? Che significa questo?!…. Sto sognando o è una cosa vera?….”. Poi, sentendo che quelli, mentre lo portavano in processione, continuavano a gridare: “Evviva, evviva, evviva monsignor vescovo!… Grazie a Dio, evviva monsignore, evviva!…. Dio ti ringraziamo…”, disse tra sé: “Eh, ora ho capito, qua sono io monsignore, il vescovo di Lucera….”.

Allora che fece? Alzò la mano e, mentre benediceva tutti facendo il segno di croce, cantava: “E che ne so come mi trovo qui, e che ne so come mi trovo qui….”.