SCAPECERRATE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice 

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

Scapecerrate

Vine che nnùje a l’Opera Nova,

a llà te passene tutt’i frennesije,

angigne pe ttè na vita nova,

pecchè staje cchiù vecine a Ddije.

Che tanta giuvene e guagliune,

staje sèmbe nn’armunije;

nnè pui dì ca nen ce stà nesciune,

ca t’ambare Vèmmarije e graziune.

Mo vène Natale, a fèsta crestejane;

padre Angele, dice ca nenn’è peccate

se stime tutte che nu « matone » mmane,

pronte a pegghiarle a «mmatunate ».

 

Scapestrato

Vieni con noi all’Opera Nuova,

in quel luogo ti passano tutte le frenesie,

incomincia per te una nuova vita,

perché stai più vicino a Dio.

Con tanti giovani e ragazzi,

stai sempre in armonia;

e non puoi dire che non c’è nessuno,

che ti insegna Avemarie ed orazioni.

Ora arriva natale, la festa dei cristiani;

padre Angelo, dice che non è peccato

se stiamo tutti con un « mattone » in mano,

pronti a prenderlo a «mattonate ».