SCIPP-SCIÁPP

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Raffaele Montanaro per tornare all’indice

RAFFAELE MONTANARO

SCIPP-SCIÁPP

D’i ppersunágge d’a víte pajesáne,

a Scipp-Sciapp tocche nu poste parteculáre,

pecché de Sόp’i Múre ère u suvráne,

e da tutte canessciúte e fameliáre.

 

Tenéve i mmáne cúm’e doje pále,

náse e vocche che nfenevéne máje,

e ‘a cápe che pesáve nu cundále,

apperò ère nu ggiacánde che nen déve uàje.

 

Duránd‘a guèrre mundjále,

u Munecìpeje e Don Cicce u Sineche à salváte,

da ‘na morre de muráre ch’i forche cúm’e nnemále,

che vulévene páne e páste a cundále.

 

Cúme sapéve che nu caválle se muréve,

subbète curréve a pegghjárele c’a ssciarrèlle,

e ‘a cárne pe ffà bbrasciole vennéve

a tánda ggènde avaramènde puverèlle.

 

 ‘A sère o pendόne de Sόp’i Múre se mettéve,

c’a sègge, c’a gradízze e ‘a furnacèlle,

e i turcenílle d’ainille cucéve,

pe t tánda povere femmèlle.

 

Tánne èrene tímbe bbrùtte,

‘a cárne se vedéve nd’u cchjalóne,

mò dìnd’e chiánghe stáce tutte,

a guste d’u ricche e d’u cafóne.

 

Don Arriche, u puéte nustráne,

de Scipp-Sciapp nz’è recurdáte,

quille ffà párte d’a tradezziόne pajesáne,

e íje mudestamènde l’agghje presendáte.

 

SCIPP-SCIÁPP

Dei personaggi della vita lucerina,

a Scipp-Sciapp tocca un posto particolare,

perché del rione sopra le mura era il sovrano,

e da tutti conosciuto e familiare.

 

Aveva le mani come due pale,

naso e bocca che non finivano mai,

e la testa che pesava un quintale,

però un gigante non dava guai.

 

Aveva le mani come due pale,

naso e bocca che non finivano mai,

e la testa che pesava un quintale,

però un gigante che non dava guai.

 

Nel corso della prima guerra mondiale,

il Municipio e don Ciccio il Sindaco ha salvato,

da un branco di donne abitanti Sopra le Mura inferocite,

che volevano pane e pasta in grande quantità.

 

Come veniva a sapere che un cavallo stava morendo,

subito correva a prenderlo con il carrettino,

e la carne per fare gli involtini vendeva,

a tanta gente veramente poveretta.

 

La sera all’angolo di Sopra le Mura si metteva,

con la sedia, la graticola e la fornacella,

e gli involtini fatti con le budella d’agnello cuoceva,

per tante povere donnicciole.

 

Allora erano tempi duri,

la carne si comprava raramente,

adesso nelle macellerie c’è di tutto,

per i gusti del ricco e del popolino.

 

Don Enrico, il poeta locale,

di Scipp-Sciapp non si è ricordato,

quello fa parte della tradizione lucerina,

ed io modestamente l’ho presentato