SCURCE, NANNE!….

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Ce stèvene dóje segnurine de ‘na cèrta ètà, chè èrene vècchje, bbrutte, che ‘na facce tutt’arrappate, ch’abbetàvene pròbbje vecin’o palazze d’u rrè.

U giardine lóre ére separate da quille d’u rrè sulamende da nu mure. I segnurine, ch’érene ricche, passàvene u timbe a ccandà, a rrecamà, e, pe qquande érene bbrutte, tenèvene ‘na vóce cum’e ‘a vóce de l’àngele d’u paravise, ére ‘na vóce bbèlle assaje. ‘A devagazzióne cchjù ché i piacèvene ére candà.

U rrè, chè abbetave vecine, sendènne sti vóce accussì bbèlle, decedìje de vulèrle canòssce. Mannàje u servetóre e ffacìje chiamà a vune de quisti dóje fegghjole.

Arrevàj’a case d’u rrè quèsta qua, tutta cundènde d’èsse state chiamate, e u rrè cum’a guardàje mbacce e ‘a vedìje ch’ére accussì bbrutte, accussì vècchje, accussì arrappate, decìje: “Sind’a mmè, pigghj’a qquèsta qua e va jitte fór’o balecóne; stanòtte c’a jelate dumane ‘a truuàme tésa-tése ndèrre”.

E u sevetore accussì facìje.

Mò’ che ssuccedìje? ‘A nòtte passàje ‘na fate, se fermàje, vedìje ca quèste chiagnéve e ddecìle: “U sacce pecché chiagne, nde pruccupà, mò’ m’a véde ije. Ije te fazze devendà ‘a cchjù bbèlle de tutt’u munne, pèrò m’è prumètte ca n’è di ninde a nnessciune cum’è fatte, chi è state, sennò devinde n’ata vóte cum’e pprime”.

‘A matina appirze u rrè, secure ca quèlle éra mòrte, stennuta ndèrre, vace a rrapì u balecóne e vvedìje ‘na fèmmena bbèlle e aggrazzijate, che paréve propeje ‘na reggine, ‘na fate.

Ne ngredéve a l’ucchje suje. “Ma ije – penzave isse e isse – pot’èsse c’ajire nge vedéve….”.

‘A pegghjaje, ‘a purtàje nd’a càmera suje e mmannàje a cchiamà l’ata sóre.

‘A sóre subbete currìje.

Quanne quèste vedìje ‘a sóre, ch’ére devendate accussì bbèlle, decéve sèmbe nu fatte: “E ccume sì devendate accussì bbèlle?”.

“E statte citte, nd’u pòzze dì….”.

E statte citte e statte citte, ‘a sóre nz’a fedàje cchjù, accussì resspunnìje: “A qqua, u ui’, m’ànne scurtucate….”.

Allóre ‘a sóre turnàje a casa suje, chiamaj’a Nanne, a cammarére, e ddecìje: “Si’, Na’, vin’a qqua…. Pigghje u rasule, tu mò’ m’è scurcià…”.

‘A cammarére: “Segnurì, site jut’a mattìje, v’agghja scurcià?….”.

“M’è scurcià… Mò’, u ui’, pigghje u rasule chè m’è scurcià”.

‘Accussì, viste chè nn’ére cóse, jij’a ppegghjà u rasule e ccumenzàje a scurcià.

Facéve ‘a cammarére: “Madònne, ma vuje mò’ ve facìte male…..

“U sacce ca me fazze male, ma: “Chi bbèlle vóle parì, cinde guaje adda patì. Scurce, Nanne, scurce….”

E ccussì scurcianne, scurcianne, ‘a segnurine murìje.

 

SCORTICA, NANNA!…

C’erano due signorine di una certa età, che erano vecchie, assai brutte e con una faccia tutta raggrinzita che abitavano proprio vicino al palazzo reale. Il loro giardino era separato solo da un muro da quello del re.

Erano ricche e passavano il tempo a cantare, a ricamare, e, a dispetto della bruttezza, avevano una voce che sembrava quella degli angeli del paradiso, avevano una voce bellissima. Il divertimento migliore per loro era cantare.

Il re, che abitava vicino, sentendo queste voci così belle, decise di conoscerle. Mandò a chiamare una di queste due “ragazze”.

Arrivò a casa del re questa qui, tutta contenta di essere stata chiamate, e il re appena la guardò in viso e vide che era così brutta, così vecchia, così raggrinzita, disse: “Senti, prendila e va’ a buttarla dal balcone, domani la troveremo a terra stecchita a causa del gelo notturno”. E il servitore così fece.

Ora che accadde? La notte passò una fata, si fermò, vide che questa piangeva e disse: “Lo so perché piangi, non preoccuparti, ora me la vedo io. Io ti faccio diventare la più bella di tutto il mondo, però mi devi promettere che non devi dire niente, altrimenti diventi un’altra volta come prima”.

La mattina dopo il re, sicuro che quella era morta stecchita a terra, va ad aprire il balcone e vide una donna bella, stupenda, sembrava proprio una regina, una fata. Non credeva ai suoi occhi: Ma io – pensava tra sé – forse ieri non ci vedevo….”.

La prese, la portò nella camera sua e mandò a chiamare l’altra sorella. La sorella ci andò di corsa. Quando questa vide la sorella che era diventata così bella, non faceva che ripetere: “E come sei diventata così bella?”.

“E sta’ zitta, non te lo posso dire…”. E sta’ zitta e sta’ zitta, la sorella non resistette più, così rispose: “Qui, vedi, mi hanno scorticata….”.

Allora la sorella tornò a casa sua, chiamò Nanna, la cameriera, e disse: “Senti, Na’, vieni qua…. Prendi il rasoio, tu ora mi devi scorticare….”.

La cameriera: Signori’, siete diventata pazza, vi devo scorticare?!….”. “Mi devi scorticare… Ora, ecco, prendi il rasoio che mi devi scorticare…..”.

Così, visto che non c’era verso, andò a prendere il rasoio e cominciò a scorticare. Diceva la cameriera: “Madonna mia, ma ora vi fate male….”.

“Lo so che mi faccio male, ma chi vuol apparire bella cento guai deve patire. Scortica, Nanna, scortica….”.

E così, a forza di scorticare, la signorina morì.