COME SI CONTANO LE ORE A LUCERA

LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA: COME SI CONTANO LE ORE A LUCERA

tratto dal libro “LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA” di Giuseppina Bellucci 

Cliccare su questo pulsante per tornare all’indice

TRADIZIONI POPOLARI  

Le donne di Lucera non hanno bisogno dell’orologio per sapere che ora è, esse si regolano ascoltando le campane della Chiesa Cattedrale.

Si levano quando la campana suona matetine, cioè verso le 6; la casa è già tutta linda a u prime ndinne, cioè alle otto, o al massimo a u seconde ndinne, cioè alle nove.

Alle nove e mezza suona la messa di Santa Maria, alle dieci e mezza ‘a messa granne e con la campana di mezzogiorno finisce la mattinata.

La prima campana del pomeriggio suona a vind’e mmèzze (cioè le quattordici e trenta).

La seconda a vindunore (cioè tre ore prima dell’Ave Maria): questa campana il venerdì dà 33 rintocchi per indicare gli anni di Gesù, mentre si recita il Credo a ricordare la sua passione.

A vindiquattore (d’inverno le ore 18, d’estate le ore 20) corrisponde l’Ave Maria e la giornata lavorativa è finita. Si recita l’Angelus Domini.

Dopo un’ora dall’Ave Maria si ha a n’ore de notte; a dojore de notte suona ancora la campana, che è l’ultima della giornata e vorrebbe dire a tutti di ritirarsi.

Strofette per alcune ore del giorno:

Alle dieci e trenta:

Mò sone mèssa granne

e s’àveze u Curpesanne,

S’àveze il mije Segnore,

Ggese Criste Crijatore.

(Ora suona la messa grande / e si alza il Corpo Santo, / si alza il mio Signore, / Gesù Cristo Creatore)

 

A mezzogiorno:

Mò sone mezzejurne,

‘a tavele tonna tonne,

u pane fèlle fèlle

e u vine nd’a fiaschèlle.

(Ora suona mezzogiorno, / la tavola tonda tonda, / il pane a fette a fette / e il vino nel fiaschetto)

 

A tre ore di notte:

N’ore de notte,

Zzecchine nze trove;

dojore de notte,

Zzecchine nze move;

trè ore de notte,

Zzecchine arréte a porte.

(Un’ora di notte, Zecchino non si trova; / due ore di notte, Zecchino non si muove / tre ore di notte, / Zecchino dietro la porta).