STATTE CITTE TU!

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Stéve na vóte nu sagrestane e, seccóme nu marìjùle jéve sèmb’a rrubbà i sòlde nd’a casscètte d’a lemòsene, nu jurne, chè ppenzàje de fa? S’ammucciàje arrét’a ‘na colonne d’a cchjìse e u facìje nu bbèlle rembróve, chesute e rrebbattute.

“Ah!, – ce decìje – sì ttu quillu malandrine fetènde ca tutt’i jurne se pigghje i sòlde dind’a casscètte d’a lemòsene?!…..Brave! Brave! Brave! Cundinue accussì e vvide chè ffine faje tu. Quille chècchè jjurne véne Capecifire e tt’azzeffònne nd’i prefunne de l’inférne….. Camìne, fuje, vattinne, issce fóre…. Mine ndèrre quilli solde ca tine mmane e, t’u diche n’ata vóte, vavattinne… Àje capìte ca te n’àja jì? E nen te permettènne cchjù da venì a qqua!….”.

U marijùle, ca ére pràteche de marijulizzeje, nze mbressiunàje de manghe na manìre; anze penzanne ca quille ére u crijature, chè tenéve mbrazze Sand’Andoneje, chè parlave accussì e cce decéve tanda paróle, u guardàje fisse mbacce e: “Statte citte tu, – decìje tutte ngacchjate – Chè a qqua cumanne pàtete!”

E sse n’asscìje d’a cchjìse c’u còmmede suje, dòppe ca facìje tutt’u servìzzeje e sduuacàje ndutte ‘a casscètte d’a lemòsene.

 

STA’ ZITTO TU!

C’era una volta un sacrestano e, dato che un ladro andava ripetutamente a rubare nella cassetta dell’elemosina, che fece? Si nascose dietro una colonna della chiesa e gli fece un solenne rimprovero, cucito e ribattuto, straordinariamente severo.

“Ah, -disse – sei tu quel dannato malandrino che, tuttti i giorni, ruba i soldi nella cassetta delle offerte?!….. Bravo! Bravo! Bravo! Continua così e vedrai che fine farai….. Certamente qualche giorno verrà Satana e ti sprofonderà nell’abisso dell’inferno. Su vattene, esci di qui, butta a terra i soldi che hai in mano e vattene… Hai capito che te ne devi andare? E non ti permettere mai più di venire qui!.

Il ladro, che era esperto di furti, non s’impressionò affatto, anzi credendo che fosse il bambino nelle braccia di S. Antonio a parlare in quel modo e a rimproverarlo, lo guardò fisso in faccia e disse con rabbia: “Sta zitto tu, che qui comanda tuo padre!….”. E se ne uscì con comodo dalla chiesa, dopo aver terminato le sue faccende e aver svuotato completamente la cassetta delle offerte.