STATTE CITTE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice 

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

Statte citte

Agghie paciènze,

ambùntete nu poche,

pare che t’avisse magnate

l’ove de furmiche;

assemigghie na trozzele arrezzenute,

a càpe m’haje abbuttate

cum’e nu pallone: se faje sèmbe accussì,

me faje menà p’u balecone.

 

Stai zitto

Abbi pazienza,

fermati un poco,

sembra come se avessi mangiato

le uova di formica;

sembri una carrucola aruginita,

mi hai gonfiato la testa

come un pallone: se fai sempre così,

mi fai buttare dal balcone.