STRUNZE MIJE BBÈLLE FATTE…

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

‘Na vote, ‘na reggine facije mode e mmanire pe ffà capace u figghje, u prìngepe, a pegghjà mugghjére, però ce decije che ‘a fegghjole avéva tenè pése, qualetà e mmesure ma nn’avéva cacà.

U prìngepe pe ffà stà citte quèlla seccande d’a mamme, se mettìje a cercà ‘na figghjole che nn’ére maje jute de curpe nd‘a vìta suje.

Mò, ógn’e vvóte ca truuave ‘na fegghjole che i piacéve, addummannave: Ma tu cache cume l’àvete?.

I fegghjulètte, tutte verghegnose, respunnèvene: “’Na vóte tande!” oQuann’éje propreje necessàrje…”.

Mò, ‘na figghjulètte cchjù dritte de l’avéte, quann’u prìngepe ce facije ‘a dumande: Ma tu cache cume l’àvete?”.

Subbete respunnìje:Uh, no, no! Ghije nn’agghje maje fatte sti cóse!”.

U prìngepe à purtaje sópe u palazze p’appreparà u spusalìzzeje.

‘A figghjole, quanne avéva jì de curpe, s’ammucciave pe nze fà vedè da nissciune.

Mò, ‘a matine d’a veggìleje d’u matremoneje, ‘a spose, tramènde stéve pruuanne u vestìte d’a spose sòtt’ucchje d’a reggine, i scappaje n’u bbesugne ca nen putéve trattenè.

‘A spusarèlle, senza dì ninde, accussì cume stéve, sparije arréte a ‘na porte.

‘A reggine vedènne c’a figghjole nen turnave cchjù, jije a cundrullà e nen truvaje a nissciune. Mò, accumenzaje a ggerà pe tutt’i stanze d’u palazze e dinde a ‘na stanzarèlle truuaje n’u bbelle strunze cavede cavede cume nen l’avéve maje viste nd’a vita suje.

‘A reggine, tutta ngazzatte, facije chiamà tutt’i fèmmene d’u palazze e u pringepe.

Quanne tutt’i fèmmene arrevajene nd’a stanze, ‘a reggine cumannaje ca vune a vóte s’avévene avvecenà, decènne: “Strunze mije bbèlle fatte, dimme a mme: chi t’à fatte?”.

‘A prime fuje n’a sérve ca facéve i pulezzije, doppe ‘a capellére d’a reggine, po’ ‘a camarére suje e doppe ati sérve e dame e sèmbe ‘a stessa dumande: “Strunze mije bbèlle fatte, dimme a mme: chi t’à fatte?”.

U strunze respunnéve: “Pass’annanze ca nen me fatte tu!.

Doppe tutte i sèrve e dame, arrevaje u ggire d’a spusarèlle ca tremanne e ch’i sckacche mbacce p’a pavure facije citte citte ‘a dumande: “Strunze mije bbèlle fatte, dimme a mme: chi t’à fatte?”.

U strunze respunnije: “Pass’annanze ca nen me fatte tu!”.

‘A reggine, ca ére secure ca ‘a spusarèlle rumanéve sbruvugnate, rumanije ndussecate.

U pringepe fuje cundènde e decije che pure ‘a reggine avéva fà ‘a pròue.

‘A reggine, ngazzate ma secure di fatte suje, s’avvecenaje e addummannaje: “Strunze mije bbèlle fatte, dimme a mme: chi t’à fatte?”.

U strunze respunnije: Si state tu, bbrutta pòrche !”.

‘A reggine rumanije sbruvugnate e u matremoneje se facije che tanda prejèzze.

Chiàne chiàne ‘a prengepèsse facije ammaturà u pringepe e quanne ce decije ca ére gravede ce decije ca pur’èsse cacave cume tutt’i fèmmene.

 

STRONZO MIO BEN FATTO….

Una volta, una regina tentò in tutti i modi di convincere il principe a prendere moglie, però gli disse che la ragazza doveve avere tante qualità ma non doveva defecare.

Il principe per zittire quella fastidiosa della madre, si mise a cercare una ragazza che non aveva mai fatto nella sua vita i bisogni corporali.

Ora, ogni volta che trovava una ragazza che gli piaceva, chiedeva: “Ma tu defechi come le altre?”.

Le giovinette, imbarazzate, rispondevano: “Una volta ogni tanto” o “Quando è proprio necessario”.

Ora, una giovinetta più furba delle altre, quando il principe le fece la domanda: “Ma tu defechi come le altre?”

Subito rispose: “Uh, no, no! Io non ho mai fatto queste cose!”.

Il principe la portò sopra il palazzo per preparare le nozze.

La ragazza, quando le scappava lo stimolo, si nascondeva per non farsi vedere da nessuno.

Ora, la mattina della vigilia del matrimonio, la sposa, mentre, stava provando il vestito da sposa sotto gli occhi della regina, le venne lo stimolo, che non riusciva a trattenere, di andare in bagno.

La sposina senza dire niente a nessuno, così come stava, sparì dietro ad una porta.

La regina vedendo che la ragazza non tornava più, andò a controllare e non trovò nessuno. Ora, incominciò a girare per tutte le stanze e dentro uno stanzino trovò un bello stronzo, caldo caldo, come lo non aveva mai visto in vita sua.

La regina, tutta arrabbiata, fece chiamare tutte le donne del palazzo e il principe.

Quando tuttte le donne arrivarono dentro lo stanzino, la regina ordinò che una alla volta si dovevano avvicinare, dicendo: “Stronzo mio bello, dimmi chi ti ha fatto?”.

La prima fu una cameriera che faceva le pulizie, dopo la parrucchiera della regina, dopo la sua cameriera personale e dopo altre cameriere e dame e sempre la stessa domanda: “Stronzo mio bello, dimmi chi ti ha fatto?”.

Lo stronzo rispondeva: “Passa avanti che non mi hai fatto tu!”.

Dopo tutte le cameriere e dame, arrivò il turno della sposina che tremando e con il viso rosso per la paura fece, con voce flebile, la domanda: “Stronzo mio bello, dimmi chi ti ha fatto?”

Lo stronzo rispose: “Passa avanti che non mi hai fatto tu!”

La regina, sicura che la sposina sarebbe stata smascherata, rimase amareggiata.

Il principe fu contento e disse che anche la regina doveva fare la prova.

Le regina, arrabbiata, ma sicura di non essere stata, si avvicinò e domandò: “Stronzo mio bello, dimmi chi ti ha fatto?”.

Lo stronzo rispose: “Sei stata tu, brutta maiala!”.

La regina rimase svergognata e il matrimonio si fece con tanta gioia.

Piano, piano la principessa conquistò il principe e quando gli disse che era incinta gli disse che anche lei defecava come tutte le altre donne.