U BBABBE C’A PÒRTA NGULLE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Stéve ‘na pòvera fèmmene chè da tanda timbe fategave da nu massare.

‘A pòvera crestijane nu jurne avèva jì cchjù ssùbbete ndò u patrune e lassàje ‘a ngumbènze o’ figghje de chiute ‘a pòrte; e u raccummannave decènnece de teràrese ‘a pòrte quanne se ne jéve e de purtàrece ‘a chiave.

Bbune facìje u guaglióne, nu póche abbunate, sdradecàje ‘a pòrte e ss’a mettìje sóp’e spalle, dritt’a ndò stéve ‘a mamme a ffategà.

Decèvene i gènde chè u vedìjene: “U ui’ u bbabbe c’a pòrta ngulle…..”.

Quanne ‘a mamme u vedìje, tutta murtefecate decìje: “Figghje, ch’è fatte, m’àje purtate ‘a pòrte? T’avéve ditte de terarle, ca l’aviva chiude….”.

Da quillu jurne tutt’u u chiamàvene “Ubbabbe c’a pòrta ngulle” e a mamme ne fuje addulurate.

 

L’INGENUO CON LA PORTA ADDOSSO

C’era una povera donna che da una vita lavorava presso un fattore.

La poverina un giorno doveva andare più presto dal padrone e lasciò al figlio l’incarico di chiudere la porta, raccomandandogli di “tirarsi la porta” quando se ne usciva e di portarle la chiave.

Ma il ragazzo, che era un sempliciotto, sfiloò la porta e se la mise sulle spalle, andando direttamente dove stava la madre a lavorare.

Le persone che lo videro, dicevano: “Eccolo là lo scemo con la porta addosso….”.

Quando la mamma lo vide, disse tutta mortificata: “Figlio mio, che hai fatto, mi hai portato la porta?…. Ti avevo detto di tirartela, che la dovevi chiudere…..”.

Da quel giorno tutti lo chiamavano “lo scemo con la porta addosso” la mamma ne rimase addolorata.