U BBÈNE A PPASTIZZE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

U bbène a ppastizze

“Bbène mije, core mije,

sènze de tè me murarrije”.

<Accundacille a peparule, ‘sti fessarije,

cchè ije, i pìle ‘ngape te cuntarrije>.

“Mbè, cchèdè sta sciute a bbècche de crape?

me vuje probbete fà jì de cape?”

<L’ata sére, m’àja dì, arrète a strétte,

tu, cchè facive che Laurètte?>.

“E tu, che Luzzille, o « Salvatore»,

decive u resareje o facive a mòre?”.

<Uffà, mò nen jenne mettènne scuse:

pizzele e vàse nen fanne pertùse!>

Na parole tire a n’avete;

chi sì ttù e chi sò ije:

se lassarene quilli duje,

decènnese buscìje.

 

Il bene non sincero

“Bene mio, cuore mio,

senza di te morirei”.

<Raccontale a Peperone, queste fesserie,

perché a me non mi prendi in giro>.

“Allora, cosa è questa battuta a pizzo di capra?

mi vuoi proprio fare arrabbiare?”-

<L’altra sera, mi devi dire, dietro il vicolo,

tu, cosa facevi con Lauretta?>.

“E tu, con Raffaele al « Salvatore »,

dicevi il rosario o facevi all’amore?”.

<Uffa, ora non tirar fuori scuse:

pizzicotti e baci non fanno danni!>

Una parola tira un’altra;

chi sei tu e chi sono io:

quei due si lasciarono,

dicendosi bugie.