U CAFÈ O’ CANÒNECHE E A MMÈ PURE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Nu canòneche, quanne venìje Pasque, angegnàj’a ffà u ggire pe bbenedìce i case, cume facéve ògn’e anne, e ‘na fèmmene u facìje trasì dinde; po’’, vedènne ca stéve nu póche stracque, u facìje ssettà e u facìje véve ‘na bbèlla tazze de cafè.

Mò’, seccóme addóre d’u cafè ér’arrevate fin’e mmizz’a strate, o’ guaglióne, ca u ccumbagnave e i purtave u secchietille de l’acqua sande c’u spersòreje, venìje pure a isse u vulìje. Ndande u canòneche se vevéve u cafè e sse facéve nu bbèlle trascurze, tramènde ca s’arrepusave nu pucarille.

Aspitte, aspitte, u guaglióne nz’a fedàje cchjù; allóre, viste ca nessciune u penzave, vace e: “Ué, a qqua u café o’ canòneche e a me pure”, decìje tutt’arraggiate.

 

IL CAFÈ AL CANONICO E A ME PURE

Un canonico, quando giunse Pasqua, incominciò a fare il giro per la benedizione delle case, come ogni anno, e una donna lo fece accomodare; poi, vedendo che era un po’ stanco, lo fece sedere e gli offrì anche un’abbondante tazza di caffè.

Ora, poiché l’odore del caffè si era sparso fin nella strada, al ragazzo, che l’accompagnava e gli portava il secchiello dell’acqua santa con l’aspersorio, venne il desiderio pure a lui. Intanto il canonico sorbiva il caffè e si faceva una chiacchierata, mentre si riposava un pochino.

Dopo aver tanto atteso, però, il ragazzo non resistette più, allora, visto che nessuno si curava di lui, ecco che sbottò risentito: “Ehi, qua il caffè al canonico e a me pure!…”.