U CANE U PRÈSEDE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Tande e ttan’anne fà ce stéve nu prèsede, chè tenéve nu cane nu póche crejuse. E mmò’ ve diche ‘a raggióne.

Quane u prèsede ne tenéve che ffà, màsseme quann’érene i fiste opuramènde nen tenéve cóse mburtande p’i mane o pràteche urgènde da mannà nnanze nd’a l’uffìceje suje,  v’agghje ditte apprime ca quille ére prèsede, vògghje dì ca cumannave; nzòmme, pe nen fà nu cunde a llunghe, ére u cape de ttutt’a pruvinge – jév’a ccacce e sse purtave u cane appirze.

Mò’, fin’e qquanne nge stève ninde da fà, u cane n’u lassave maje de péde; po’’, pròbbete quanne u prèsede sparav’avvucille, cunigghje, vòlepe o lèbbre e u cane l’avéva jì a pegghjà, allóre nge stéve maje. E ssì, pecché pròpreje nd’a quillu mumènde avéva jì a ccacà.

Accussì u povere prèsede s’arreterav’o pajése quase sèmbe ch’i mane vacande.

E ije pènze ca vuje mò’ avìte già capìte pecché, quanne nu crestijane nge stace maje nd’u mumènde ch’avarrìja fà chèccóse chè l’attòcche, vace n’àvete e ddice: “Assemègghj’o cane d’u prèsede, quann’éva jì a pegghjà a cacce, éva cacà…..”.

 

IL CANE DEL PRESIDE

Tanti e tanti anni fa c’era un preside, che aveva un cane un p’ particolare. E ora ve ne spiego il motivo.

Quando il preside non aveva da fare, specialmente se era festa oppure non aveva cose importanti per le mani o non aveva pratiche urgenti da espletare inerenti alla sua carica – vi ho detto che era preside, voglio dire che comandava; insomma, era il capo di tutta la provincia – andava a caccia e si portava dietro il cane.

Ora, finché non c’era nulla da fare, il cane non si allontanava un attimo; poi, proprio quando il preside sparava a qualche uccello, coniglio, volpe o lepre e il cane doveva andare a prenderlo, allora non c’era mai. E sì, perché proprio in quel momento doveva andare a fare il bisognino.

Perciò il povero preside tornava al paese quasi sempre a mani vuote.

E io credo che voi ora abbiate capito perché, quando una persona non c’è mai nel momento in cui dovrebbe fare qualcosa che le spetta, qualcuno interviene dicendo: “Assomiglia al cane del preside, quando doveva a prendere la cacciagione, doveva cacare….”.