U CANE E ‘A VÒLEPE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “Ce stéve ‘na vóte……a’kkussì s’akkundav’a Llucére” di Pasquale Zolla

Nu jurne ‘na vòlepe, dòppe ‘na bbèlla magnate chè s’ére fatte ndò gallenàre, se ne stéve jènne locche-locche a tane. Mò’, tramènde cammenave, nguntràje nu cane e quiste appéne ’a vedìje, sùbbete, ‘a currìje arréte.

‘A vòlepe, sùbbete se ne fujìije e nda capa suje decéve: “Mò’, quiste chè vace truuànne da me?”.

U cane, arréte, tra isse e isse, penzave: “Mò’ ca te pigghje t’agghja fà a ppìzza a ppìzze”.

Ésse, fujènne ammìzz’a l’éreve, arrevàj’a vune di pertùse d’a tane e trasìje dinde. U cane, ca nen vedìje cchjù ‘a vòlepe, accumenzaje annusà pe ndèrre pe send’addore de quella furbacchjòne.

Mò’, isse, adduranne adduranne, arrevàje o’ pertùse d’a tane, ma quiste ére ttroppe ppiccininne e nen ge traséve c’a cape.

‘A vòlepe, citta-citte nen ze semuuéve pe nninde, però ògn’e ttande, a àse àse, ggerave ‘a cape pe gguardà u pertùse.

Èsse, tramènde guardave u pertùse, c’a còde de l’ùcchje vedìje ‘a code e seccome i paréve troppa longh’e ggrosse pe èsse ‘a suje, tra esse e esse, decìje: “Mò’, manumale, me pozze lebberà d’u cane!…Sta coda accussì longhe  nen èje ‘a mije!”, e ‘a cacciaje a chiane a chiane d’o pertùse d’a tane.

U cane, che stéve attinde attinde, sendénne u stressciaminde d’a code, cum’a vedìje asscì d’o pertùse, senza penzarce doje vóte, se jettaje sòpe e a fforze teraje fóre d’a tane ‘a code e ppure ‘a vòlepe; arapìje ‘a vocche e ggnuttìje code e vòlepe.

 

IL CANE E LA VOLPE

Un giorno una volpe, dopo una bella mangiata fatta in un pollaio, se ne andava lentamente verso la tana. Ora, mentre camminava incontrò un cane che appena la vide, subito le corse dietro.

La volpe, immediatamente si mise a correre e nella sua testa diceva: “Ora, questo cosa cerca da me?”.

Il cane, dietro, pensava: “ Quando ti prendo ti farò a pezzettini”.

Essa, scappando tra l’erba, arrivò a uno dei buchi della tana e vi entrò. Il cane, che non vide più la volpe, cominciò ad annusare per terra per sentire l’odore di quella furbacchiona.

Ora, lui, annusando annusando, arrivò all’ingresso della tana, ma questo era troppo piccolo e non ci entrava con la testa.

La volpe, in silenzio non si muoveva per niente, però ogni tanto, appena appena, girava la testa per vedere l’ingresso della tana.

Essa, mentre guardave il buco, con la coda dell’occhio vide la coda e siccome le sembrava troppo lunga e grossa per essere la sua, tra se, disse: “Ora, menomale, mi posso liberare del cane!”, e la cacciò piano piano fuori dal buco della tana.

U cane, che stava attento, sentendo il fruscio della coda, come la vide uscire dal buco, senza pensarci due volte, si buttò sopra e con forza la tirò fuori dalla tana compreso la volpe, aprì la bocca e fece un sol boccone.