U CANÈRZE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

COSTANTINO CATAPANO

U canèrze

Tène na mana longhe e n’àveta corte,

sèmbe vole e mmaje vole dà;

nesciune mai ninte ce pò luva,

a isse, de l’àvete nenn’importe

pecchè magne sèmbe sule,

e nenn’incozze ‘a caretà.

Sop’a l’ucchie ci’aèscene i gghiarule:

nu sègne ca isse nnu pot’ammuccià.

Padre Angele, rerènne e pazzejanne,

i cèrche nu « matone » da bbagnà:

nen se fà ttenè, doppe tant’anne,

arape a vorze a chi l’ha sapute ammaturà.

 

Il tirchio

Ha una mano corta ed un’altra lunga,

sempre vuole e mai regala;

nessuno riesce a togliergli qualcosa,

a lui, degli altri non importa

perché mangia sempre da solo,

e non capisce la carità.

Sopra gli occhi gli crescono gli orzaioli:

un segno che non può nascondere.

Padre Angelo, ridendo e scherzando,

gli cerca un « mattone » per festeggiare:

non si fa pregare, dopo tanti anni,

apre il portafoglio a chi è riuscito a convincerlo.