U CAPAGRASSE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

COSTANTINO CATAPANO

U capagrasse

Jame, guagliù, a u mmasone,

è sunàte vindiquatt’ore,

gnune-gnune a i case lore.

Tutte i sère, a stèss’ore, lucculava mammagnora.

Mammanò, statte citte, facce jucà ancòre:

« gnornò, gnornò, adda èsse juste mò,

sennò aèsce u “capagrasse”,

v’acciaffe e nen ve lasse ».

 

L’orco

Andiamo ragazzi, a dormire,

è suonata l’ora del tramonto,

ognuno a casa propria.

Tutte le sere, alla stessa ora gridava la nonna.

Nonna, stai zitta, facci giocare ancora:

«no, no, deve essere adesso 

altrimenti esce l’orco,

vi prende e non vi lascia».