U CAVALLE E ‘A CUPPÈTTE DE PÒRTE TRÓJE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

È ssuccisse tand’e ttand’anne arréte, quanne ‘a mesèreje se facéve sèmbe cchjù ppesande.

Nu vècchje, dòppe ch’avéve fategate tutt’a jurnate sòtt’o sóle lióne nd’a state e cc’u strezzóre nd’a virne, se rretrave c’u cumbagne suje, nu pòvere vècchje cavalluzze, a casa suje pe ttruuà ‘na ciavedèlle chè ‘a cumbagna suje ci’acéve appreparate.

Nu jurne fóre se purtàje u nepóte pe ccumbagnìje. Mò’ u papanònne p’a strate vedéve chè u crijature cammenave c’u passe nu póche pesande e u facìje mètte sóp’o cavalluzze, alméne pe ffà ‘a salite d’a Pòrte Tróje.

Tutte cundende u guaglióne, e ppure u papanònne…. Ma ècche nu crestijane se fèrme e cce facìje sènde ch’i rècchje pròpreje accussì: “Vite nu póche…. Quille cg’è vvècchje e ssciangate vace all’appite e isse ggiòvene a ccavalle!”. U secònde ‘a stessa cóse.

U pòvere vècchje decìje o’ crijature: “Asscinne, mò’ me mètte nu póche ghije….”. Accussì facìrene.

Ma ‘a storeje se repetéve. “Iiih!…. Vite, vite… U crijature a ppite e isse a ccavalle….”. E ccussì pure l’àvete.

U pòvere criste ngi’à facìje cchjù a ssènde. Anghianàrene anzìme sóp’a sta pòvera bbèsteje cchjù stanghe de lóre e ffà sta salite; ma, a mmetà cuppètte, avìjena sscènne, pecché né i crestijane se facìrene i fatte lóre (“Iiih!…. Vit’a quilli duje, vi’…. Mò’ u ccìtene a quillu povere cavalluzze….”) e nnè adavéramende u nnemale ci’a facìje a ssuppurtà u pìseme lóre.

E ccussì finalmènde nessciune parlàje cchjù.

 

IL CAVALLO E LA COLLINETTA DI PORTA TROIA

È successo tanti e tanti anni fa, quando la miseria si faceva sempre più pesante.

Un vecchio, dopo che aveva lavorato tutta la giornata sotto il solleone d’estate e con il gelo d’inverno, ritornava a casa con il suo compagno, un povero vecchio ronzino, per trovarvi il modesto pasto che la sua compagna gli aveva preparato.

Un giorno, in campagna, portò con sé il nipote per compagnia. Ora lungo la strada, il nonno vedeva che il bambino camminava con il passo un po’ pesante e lo fece salire in groppa al cavallo, almeno per fare la salita di Porta Troia.

Il ragazzo ne fu felice, e così pure il nonno; ma ecco un tale si ferma e gli fa sentire con le orecchie proprio così: “Vedi un po’…. Quello che è vecchio e malandato cammina a piedi e lui che è giovane a cavallo…”. Il secondo la stessa cosa.

Il povero vecchio disse al bambino: “Scendi, ora salgo un po’ io…..”. Così fecero

Ma la storia si ripeteva. “Iiih!…. Vedi, vedi… Il bambino a piedi e lui a cavallo….”. E così pure gli altri.

Il povero cristo non ce la fece più a sentire.

Salirono insieme sulla povera bestia più stanca di loro nel fare la salita , ma a metà collina dovettero scendere perché né le persone stettero zitte (“Iiih!…. Vedi quei due, ve’…. Ora l’ammazzano quella povera bestia….”), né in verità l’animale ce la fece a sopportare il peso.

E così finalmente nessuno parlò più.