U CCHJÙ FFELICE NENTENÉVE ‘A CAMMISE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Nu rrè stéve malate da tanda timbe e mmannàj’a cchiamà tutt’i stróleghe e i maghe d’u règne suje, ch’èvena fà móde e mmanìre pe ffarle fà bbune n’ata vóte.

Arrevate, i mettìje tutte quande nd’a ‘na càmere e a llà quille penzàvene, penzàvene… Po’ jije nu stròleghe e ddecìje: “ Si u rrè se mètte a cammìse de nu crestijane addavèramènde felice, se face bbune cum’e pprime”.

Sùbbete i guardeje d’u rrè s’abbijàrene, ch’èvena truà sta cammìse ch’éve ditte u stròleghe; quiste, però, dòppe paricchje jurne, cirche da qua, cirche da llà, se ne turnàrene ch’i mane vacande.

Mò’, che ssuccedìje? Nu bbèlle jurne, u figghje d’u rrè se trùuaj’a ppassà annanz’a ‘na case mèzza scuffulate e ssendìj’a vune ca decéve: “Segnóre, n’avast’a rrengrazziarte pe qquille ca m’àje date ògge…”. Ére pròpreje quille, l’óme felice, chè i guardeje d’u rrè jèvene cercanne pe ttutte vanne e nne ll’èvene truuàte. Allóre, sènza pèrde timbe, cumannaj’e suldate de trasì dinde, de luuàrece ‘a cammìse e de purtarle sùbbete o’ palazze d’u rrè.

I suldate trasìrene sùbbete dind’a qquèlla case, ca paréve nu cafurchje, cumannàrene a quillu puverille de dàrece ‘a cammìse, ca po’’ l’avarrìjene date ‘na bbella vòrza chjéne de marènghe d’óre. Ma quille ére pòvere assàje e nen tenéve manghe ‘a cammìse de ngulle.

Accussì se n’avìjena turnà ndréte n’ata vóte ch’i mane vacande e accundàjen’o rrè, a ffil’a ffile, tutte quille ch’ére succisse.

 

IL PIÙ FELICE NON AVEVA LA CAMICIA

Un re era malato da molto tempo e mandò a chiamare tutti gli astrologhi e i maghi del regno. Questi dovevano trovare un rimedio per farlo guarire e così tornare come prima.

Arrivati, li fece sistemare un una stanza, e là quelli pensavano, pensavano. Poi, ecco che un astrologo disse: “Se il re indosserà la camicia di un uomo veramente felice, tornerà ad essere sano come una volta”.

Immediatamente le guardie del re s’incamminarono per andare a trovare la camicia che aveva indicato l’astrologo; essi, però, dopo aver cercato per molti giorni, tornarono a mani vuote.

Ora, che cosa accadde? Un giorno il figlio del re passò per caso davanti ad una casa per metà crollata e sentì che un tale diceva: “Signore, non so come ringraziarti di quello che oggi mi hai concesso…”. Era lui l’uomo felice che le guardie del re avevano cercato dovunque, senza trovarlo. Allora, senza perdere tempo, odinò ai soldati di entrare, di togliere all’uomo la camicia e portarla alla reggia.

I soldati entrarono in quella casa, che sembrava una topaia, e intimarono al poveretto di consegnare la camicia; poi, come compenso, gli avrebbero dato un sacchetto pieno di marenghi d’oro. Quello, però, era povero e addosso non aveva nemmeno la camicia.

Così dovettero tornare indietro di nuovo a mani vuote e riferirono al re, per filo e per segno, tutto quello che era accaduto.