U CRAPARE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

U crapare

Ére a prima, a matine, che na campane,

a scetà tutt’i crestejane;

jève p’a tèrre, ca vacca e u vaccarille,

e mmane purtave na cocchie de mesurille.

U latte, cavede cavede, mungève annanz’a ttè;

tutte quante u putèvene vedè:

quill’èra latte, e, nenn’èra peccate murtale

se a crapare, da sott’u zenale,

da nu cuccetille, ammucciate, ca purtave,

u latte, nu poche, annacquave.

Mmèce mò, che ttante de buttiglie seggellate,

se corre u pericule d’èsse avvelenate:

accussì, dint’a vindiquatt’ore,

se pò ì, dritte-dritte, a u Crijatore.

 

Il lattaio

Era appena mattina con una campana,

a svegliare tutte le persone;

andava per le strade, con la vacca e il vitellino,

e in mano portava una coppia di misurini.

Il latte, caldo caldo, lo mungeva davanti a te;

tutti lo potevano constatare:

quello era latte, e, non era peccato mortale

se la lattaia, da sotto il grembiule,

da un piccolo recipiente, nascosto, che portava,

al latte aggiungeva un poco di acqua-

Ora invece, con tante bottiglie sigillate,

si corre il rischio di essere avvelenato:

così in una giornata,

si può andare diritto-diritto al Creatore.