U CUCUZZARE

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

 

U CUCUZZARE

Prime d’abbejà a jucà se menave u tucche pe vedè chi devèntave “CUCUZZARE”.

I jucature (mascule e fèmmene) se mettevene assettate e u “CUCUZZARE” dève a ognune nu numere.

Quanne u “CUCUZZARE” decève: “Ogge songhe jute nghiazze e agghje vennute (o accattate) tre checozze”:

  • U jucatore numere TRE avève subbete addumannave: “E pecché tre checozze?
  • U “CUCUZZARE” respunnève: “E quande sennò?”
  • U numere TRE, nat’ata vote, decève: CINGHE.
  • U jucatore numere CINGHE, che ère state chiamate, avève dì subbete: “E pecché cinghe checozze?
  • U “CUCUZZARE” respunnève: “E quande sennò?
  • U numere CINGHE, nat’ata vote, decève: Tutte u cucuzzare
  • U “CUCUZZARE”, che ére state chiamate, avéve dì subbete: ““E pecché tutte u cucuzzare
  • U numere CINGHE respunnève: “E quande sennò?
  • U “CUCUZZARE”, nat’ata vote, decève: SEI e u juche cundunuuave.

Si u jucatore chiamate nen ruspunnève subbete o sbagliave avéve pagà nu pigne.

 

IL VENDITORE DI ZUCCHE

Prima  di iniziare si faceva la conta per vedere chi diventava “IL VENDITORE DI ZUCCHE”.

I giocatori (maschi e femmine) si mettevano sedute e il “VENDITORE DI ZUCCHE” dava ad ognuno un numero.

Quando il “VENDITORE DI ZUCCHE” diceva: “Oggi sono andato in piazza e ho vendue (o comprate) tre zucche”:

  • Il giocatore numero TRE doveva subito domandare: “E perché tre zucche?
  • Il “VENDITORE DI ZUCCHE” rispondeva: “E quante altrimenti?
  • Il numero TRE, un’altra volta, diceva: CINQUE.
  • Il giocatore numero CINQUE, che era stato chiamato, doveva dire subito: “E perché cinque zucche?
  • Il “VENDITORE DI ZUCCHE” rispondeva: “E quante altrimenti?
  • Il numero CINQUE, un’altra volta, diceva: Tutto il cucuzzaro
  • Il “VENDITORE DI ZUCCHE”, che era stato chiamato, doveva dire subito: ““E perché tutto il cucuzzaro
  • Il numero CINQUE rispondeva: “E quante altrimenti?
  • Il “VENDITORE DI ZUCCHE”, un’altra volta, diceva: SEI e il gioco continuava.

Se il giocatore chiamato non rispondeva subito o sbagliava doveva pagare un pegno.