U CUMBARE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Stéve nu cumbare sfategate, ché pe mmagnà facéve mód’e mmanìre ch’éva pegghja pe ffesse a cchi i jèv’a ggèneje, e sse presendave a l’óre de magnà, mò’ a case de nu cumbare e mmò’ a case de n’àvete pe jjèngh’a trippe.

‘Na vóte jije just’a l’óre de magnà e ttuzzulàj’o cumbare. À vvedèrle tutt’aggetate, u cumbare u facije trasì. U facìje ssettà a tàvele ndò stèvene magnanne i piatte i maccarune. ‘A prima cóse u mettìjene a mmagnà, ca po’’ avarrìjene sendute ch’ére succisse a case.

Pe ccrejanze i duje cumbare cercàvene de parlà u méne pussibble,  pecché vedèvene chè u cumbare, nervuse cum’ére, maggnave assaje.

Quanne u cumbare se fenìje i maccarune a vanna suje, pecché magnàvene tutte nd’u stèsse piatte, ‘a spaselle de créte, e nz’ére angóre sazzejate, vedìje ché ‘a vije d’u cumbare ére appéne misse mane. Allóre decìje: “E sse me nghiànene i cacchje ngape, u culle d’a cummare ce l’aggja tòrce accussì!”.

E, vutanne u piatte a vija suje, ndò stèvene angóre i maccarune d’u cumbare, s’ì llessciàje.

 

IL COMPARE

C’era un compare scansafatiche che, pur di mangiare, studiava tutti gli espedienti per farla in barba a chi gli diceva l’estro, e si presentava all’ora di mettersi a tavola una volta da un compare una volta da un altro per riempire la pancia.

Una volta si presentò proprio all’ora di pranzo e bussò alla porta di casa del compare. Il compare, nel vederlo tutto stralunato, lo fece entrare. Lo fece sedere a tavola dove stavano mangiando i maccheroni. Per prima cosa lo fecero mangiare, perché dopo avrebbero sentito che cosa era successo a casa. Per discrezione i due compari cercavano di parlare il meno possibile, poiché vedevano che il compare, nervoso com’era, mangiava assai.

Quando il compare ebbe finito di mangiare i maccheroni dal lato suo, perché mangiavano tutti nello stesso piatto, la “spasella” di argilla, e non era ancora sazio, vide che dalla parte del compare la porzione di maccheroni era stata appena iniziata. Allora disse: “E se mi salgono i nervi alla testa, il collo della comare glielo devo torcere così!”.

E, girando dal lato suo il piatto, nel punto dove stavano ancora i maccheroni del compare, fece piazza pulita.