U CÚNDE DE MARTÍNE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Martíne ére vúne che se mbriacave sèmbe, nzomme, nu mbriacóne.

‘Na sére de vírne avéve fatte nu poche de néve, facéve fridde assaje e Martíne ére state nda ‘na candíne e s’ère mbriacate.

Nda quilli júrne ‘a mugghjére ére ggraveda grosse. Tramènde isse turnave a case, i venije nu scrupele sóp’a cussciènze.

Decije a issa a isse: “Mò che arrive a case m’avarríje jì a culecà vicíne a quella puurèlle, jacciate cúme nu zìppere e pure mbriache….. nn’a vogghje ffà patì, pe stasére me vache appagghjarà sòtt’a candíne nostre.”

E accussì facíje.

Trasíje sòtt’a candíne súje e s’agguattaje nda ‘na nicchje scavate dinde u múre propreje arréte a ‘na votta grosse. ‘A notte, p’u fridde, murije!

Quanne l’ànema súje arrevaje annanz’a Ddije, u Patatèrne vedenne ca isse pe nen ffà mmale a mugghjère, ére múrte, u facíje Sande.

Ndande, ‘a mugghjère spitt’e spitte ma d’u maríte nen sapíje cchjù ninde.

Ma da quillu júrne abbijaje a succède nu fàtte meraculúse: ‘a vòtta grosse che stéve nda candíne, cchjù víne cacciave e cchjù se jéngheve!

Cósa éje e cóse nn’èje, ndande ‘a nutìzzeje ére arrevate e rècchje de tutt’i crestijane. Venije u prévete e ‘a ggènde d’u pajése pe vedè u meracúle.

U prévete vulíje èsse cunzapévele, guardaje bbùne ‘a votte sóp’e sòtte, annanz’e arréte… e che truuaje? Vedíje u cúrpe de Martíne dinde ‘a nnicchje e vedíje che d’a vocche ére spundate ‘na víte e sta víte ére trasúte nda votte.

Dope guardaje dinde ‘a votte e vedíje ca ‘a vite avéve cacciate l’ùue e l’ùue devendave víne da sule.

Allóre decíje: “Sule nu Sande po’ ffà nu meracúle cúme e quiste!” E ce facíje ‘na cchjíse.

Ècche pecché Sammartíne éje u patróne d’u víne.

Naturalmente è una favola perché il vero Patrono del vino e dei viticoltori è San Martino di Tours la cui storia è completamente diversa.

 

IL RACCONTO DI MARTINO

Martino era uno che si ubriacava sempre, insomma, un ubriacone.

Una sera d’inverno era caduta un poco di neve, faceva molto freddo e Martino era stato in una cantina e si era ubriacato.

In quei giorni la moglie era incinta di molti mesi. Mentre tornava a casa, gli venne uno scrupolo di coscienza.

Disse tra se e se: “Quando arrivo a casa dovrei a coricarmi vicino a quella poverina, freddo ed anche ubriaco….. non la voglio far soffrire, per questa sera vado a dormire sotto alla nostra cantina”.

E così fece.

Entro nella sua cantina e si acquattò in una nicchia scavata nel muro proprio dietro una grossa botte. La notte, per il troppo freddo, morì!

Quando la sua anima arrivò davanti a Dio, il Padreterno vedendo che lui era morto per non fare male alla moglie, lo fece Santo.

Intanto, la moglie lo aspetto per lungo tempo ma del marito non seppe più niente.

Ma da quel giorno cominciò a succedere un fatto miracoloso: la grossa botte che stava in cantina, più vino cacciava e più si riempiva!

Nessuno riusciva a spiegare la cosa, intanto la notizia era giunta alle orecchie della gente. Arrivò il prete e la gente del paese per vedere il miracolo.

Il prete volle indagare a fondo, guardò bene la botte sopra e sotto, davanti e dietro… e che cosa trovò? Vide il corpo di Martino nella nicchia e vide che dalla bocca usciva una vite e questa víte era entrata nella botte.

Dopo guardò nella botte e vide che dalla vite era nata l’uva e l’uva diventava vino da sola.

Allora disse: “Solo un Santo può fare un miracolo come questo!” E fece erigere una chiesa.

Ecco perché San Martino è il patrono del vino.

Naturalmente è una favola perché il vero Patrono del vino e dei viticoltori è San Martino di Tours la cui storia è completamente diversa.