U CUNDE D’U FÈSSE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Ce stéve vune sóp’a n’àreve ch’i pide sóp’a nu rame e ssegave. Allóre passàje nu mòneche e ddecìje: “Oh!, bbelló, chè te ne vaje abbasce”.

Isse cundunuuàje sèmbe a segà. A nu cèrte mumènde se scacchjaje u rame e jjije ndèrre.

Oh ccazze!… U mòneche à ddevenate…. Mò’ m’agghja jì ffà ddevenà quanne móre”.

Currìje appirz’a stu mòneche e u rrevàje.

Decìje: “U saje, zì’ mò’, che àje addevenate ch’éva jì ndèrre? Mò’ m’è ddevenà quanne móre”.

Allóre u mòneche decìje: “Quanne face u tèrze pìtete u ciucce, tu sì mmurte”.

U fèsse carecàje u ciucce chjìne  de lègne pe jjìresea rreterà. E cce stéve tutt’a còppe ch’éve nghianà (u mòneche u sapéve!). S’abbejàje,.

Cum’abbejàje a ffà ‘a salite, u ciucce facìje u pìtete e u fèsse decìje: “Oh ccazze! So ccadute malate”.

Allóre, anghiananne anghiananne, u ciucce facìje u secònde. Dice isse: “Madònna mije, mò’ sònghe grave”.

Quanne arrevàje pròpreje sóp’a coppe, u facìje u tèrze. E u fèsse decìje: “Mò’ sònghe murte!”.

Sscennìje da u ciucce e sse mettìje nd’a cunètte tise-tise.

Mò’ u ciucce, canusscènne a strade, se n’éve jute ritte-ritte a cas suje.

‘A mugghjére e i parinde, vedènne u ciucce, decìjene: “Sarrà succisse quacchèccóse…”. E u jìrene a ttruà. E isse facéve vedè chè ndéve sègne de vite, ch’ére murte.

U caracàjene sóp’u ciucce e ss’u purtàjene, cunvinde sèmbe ch’ére murte.

Mò’, arrevate a na strade chè se putéve jì da duje vanne, se fermàjene. “Amma jì da qqua o amma jì da quua?”. Jije u fèsse e respunnìje: “Quann’ére vive ije, me ne jéve sèmbe da qqua!”.

 

IL RACCONTO DELL’IMBECILLE

Un tale stava sul ramo di un albero e segava. Allora passò di là un monaco che gli disse: “Ehi!, buon uomo, attento che caschi giù…”. Ma lui continuava sempre a segare. A un certo momento il ramo si spezzò e lui cadde a terra. “Oh caspita!….. Il monaco ha indovinato… Ora devo andare a farmi indovinare quando morirò”.

Corse dietro a questo monaco e lo raggiunse. Disse: ”Lo sai, padre, che hai indovinato che dovevo andare a terra? Adesso mi devi indovinare quando morirò”. Allora il monaco disse: “Quando l’asino farà il terzo peto, tu sei morto”.

Lo stupido caricò di legna ben bene l’asino per andare a ritirarsi. E c’era tutta la collina da salire (il monaco lo sapeva!). S’avviò.

Appena incominciò a fare la salita, l’asino fece il peto, l’ingenuo disse: “Oh perbacco, sono caduto malato””. Allora, mentre saliva, l’asino fece il secondo. Dice lui: “Madonna mia, ora sto grave”. Quando giunse proprio in cima alla collina, l’asino fece il terzo. E l’ingenuo disse: “Ora sono morto!”. Scese dall’asino e si gettò lungo disteso nella cunetta.

Ora l’asino, conoscendo la strada, se ne era andato di filato a casa sua. La moglie e i parenti, vedendo l’asino, dissero: “Sarà successo qualche cosa….”. E andarono a cercarlo. E lui faceva finta di non dare alcun segno di vita, che era morto.

Arrivati nel frattempo in una strada in cui si poteva proseguire in due direzioni diverse, si fermarono: “Dobbiamo andare di qua o dobbiamo andare di qua?”. E lesto l’imbecille rispose: “Quando ero vivo io, me ne andavo sempre di qua!….”.