U DANGALE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

U dangale

“Cumbà, cchè dè, si jute pu litte?

Eja matitine e vaje già p’a tèrre”.

<Citte, cumbare mije, tènghe nu dangale

ca me stà danne i celizeje:

da sta’ notte vache sule gramanne;

mò vogghie ì probete da u dentiste>.

“Cumbà, cchè ce vaje a ffà;

pecchè nen faje cum’è mmè?

<Cumbà, tu ch’e faje?>.

“Ije, quanne me fa male nu dènte,

me fazze vasà da mugghièreme,

de core – de core, e subbete me passe!”.

<Cumbà, mò se vache a casa tuje,

a trove a mugghièrete?>.

 

Il molare

“Compare, cosa è successo, sei caduto dal letto?

È appena mattina e vai già in giro”.

<Non parlare, compare mio, ho un molare

che mi sta torturando:

da questa notte sto piangendo per il dolore;

ora voglio proprio andare dal dentista>.

“Compare, cosa ci vai a fare;

perché non fai come me?”

<Compare, tu cosa fai?>.

“Io, quando mi fa male un dente

mi faccio baciare da mia moglie,

appassionatamente, e subito me passa!”

<Compare, ora se vado a casa tua,

la trovo tua moglie?>.