U GALL’E U CAFÒNE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “Ce steve ‘na vóte…a’kkussì s’akkundav’ a Llucére” di Pasquale Zolla

Ce stéve ‘na vóte nu galle ca s’ére mbarate a pparlà.

Mò’ qquiste parlave spèceje quanne vecìn’o gallenare passave nu cafòne che jève fóre a zappà ‘a viggne o l’urtucille.

Mò’, u cafòne passave tutta ‘a jurnate fóre e nen sapéve cche facéve ‘a mugghjere nda case suje.

‘A sére, quanne turnave d’a cambagne u sóle ére ggià calate e ‘a matìne prime c’ascéve u sóle, s’avezave d’o litte, mettéve nda vesazze nu poche de pane tuste, ‘na mezza cepòlle, nu pizze de frummagge o de recotta toste e ‘na mèzza bbuttiglje de vine casarole, se mettév’a zappe ngulle e sse ne jéve fóre, tramènd’a mugghjére se ggerave e sse vutave nd’u litte.

Isse, cume arrevave vecìn’o gallenare, u galle sùbbete dicéve: “Chicchirichì! Chicchirichì!… Bbòna jurnat’a ttè!”. E u cafòne respunnéve: “Pur’a ttè!”.

Mò’, nu bbèlle jurne quanne u cafòne passaje annanze o gallenare, u galle diceje: Chicchirichì! Chicchirichì!…. Statt’attinde! Vide che eja ffà pecchè nda casa tuje i còse vanne storte”.

Nn’atu jurne: “Chicchirichì! Chicchirichì!…. Và bbùne ‘a fatighe, ma è penzà pure a’ casa tuje!.”

U cafòne, ca nen capéve quille che u galle vuléve ddì, decìje: “Né, che vvuje sstà a ddì mò’?!”. Ma u galle nne resunnìje e se ne jìje pi fatte suje.

U jurne appirze, vedenne che u cafòne nn’avéve capite ninde, ce diceje: “Chicchirichì! Chicchirichì! Cùme èje fèsse l’òme!”.

È u cafòne: “Né, ma tu ce l’avisse che mmè?!”. U galle facènne finde de ninde se ne jije ammizze i galline.

Mò’, u fatte che u galle dicéve sèmbe: “Chicchirichì! Chicchirichì! Cùme eje fèsse l’òme!”, jije annanze pe parècchje jùrne e u cafòne, daje ogge e daje dumane, se mbrestecalìje è decìje: “Galle, ga’, prim’o póje, si nenn’a fernisce, te torce u cùlle!“.

Ma u galle cundunuave sèmbe a ddì ‘a stessa cose.

U cafòne, nu bbèlle jurne, stracque de sènde sèmbe u stèsse fatte, decidejè d’accide u galle e mettìje nd’a vesazze ‘na sfèrre.

U galle, cùm’u vedìje accumenzaje: “Chicchirichì! Chicchirichì!… Cùm’éje fèsse…” ma, nen facìje a timbe a fenèssce de parlà pecchè u cafòne trasìje ndo gallenare e c’a sfèrre ce tagghjaje u cannaruzze.

U cafòne, tutte cundènde, u pegghjaje pi ciambe e decìje: “Mò te port’a case e accussì mugghjèreme me face i maccarùne c’u gallucce”.

Tramènde turnav’a case, u galle che nu felille de vòce cundunuuave a ddì: “Chicchirichì! Chicchirichì! Cùme eje fèsse l’òme!”.

“Fa tu, ca dòppe fazze ghìje”, decév’u cafòne.

Quanne arrevaje a case, appujaje a zappe, se luuaje ‘a vesazze nda ngulle e  jettaj’u gallucce sóp’o tavele d’a cucìne e s’abbejaje vers’a camere da lètte pe sscetà ‘a mugghjere.

Allassacrèse, sendìje tanda remure e resatèlle ca venévene d’a camera da lètte; arrassaje ‘a tènde e citte citte s’affacciaje e vvedìje ‘a mugghjére che n’at’òme, tutt’a nute, sóp’ò litte che s’allessciavene e rerèvene cùm’e matte.

Quill’òme, rerènne decìje: “Maritete éje propreje nu bbèlle chernutóne!. E ‘a mugghjére: “Ma nò, éje sschitte nu pòvere fèsse!”.

U cafòne a ssende quilli paròle, jije nd’a cucine, pegghjaje ‘a sfèrre e nda qquatte e qquatt’otte tagghjaje u cannaruzze a tutt’e dduje a quilli fetìnde.

Nda quillu mumende u galle avezaje ‘a cape e che ttutta ‘a forze ca l’ère rumaste, decìje: “Chicchirichì! Chicchirichì! Cùme eje fèsse l’òme!”.

U cafòne capìje quille ca vulève dì u galle, ma éve tròppe tarde pecchè arrevajéne i carabbinìre è u purtajéne ngalére.

  

IL GALLO E IL CAFONE

C’era una volta un gallo che aveva imparato a parlare. Ora questo parlava specialmente quando vicino al pollaio passava un contadino che andava a zappare la vigna o il piccolo orto.

Ora, il contadino passava tutta la giornata in campagna e non sapeva cosa facesse la moglie a casa sua. La sera, quando tornava dalla campagna, il sole era già tramontato e alla mattina, prima che uscisse il sole, si alzava dal letto, metteva nella bisaccia un poco di pane duro, una mezza cipolla, un pezzo di formaggio o di ricotta dura e una mezza bottiglia di vino casereccio, si metteva la zappa sulle spalle e se ne andava in campagna, mentre la moglie si rigirava nel letto.

Lui, come arrivava vicino al pollaio, il gallo immediatamente diceva: “Chicchirichì! Chicchirichì!… Buona giornata a te!”. E il cafone rispondeva: “Anche a te!”.

Ora, un bel giorno, quando il contadino passò davanti al pollaio, il gallo disse: “Chicchirichì! Chicchirichì!…. Stai attento! Guarda che cosa devi fare perché nella tua casa le cose non vanno bene”.

Un altro giorno: “Chicchirichì! Chicchirichì!…. Va bene lavorare, ma devi pensare anche alla tua casa!”

Il contadino che non capiva quello che il gallo insinuava, disse: “Né, cosa vuoi dirmi adesso con questo? Ma il gallo non rispose e se ne andò per i fatti suoi.

Il giorno dopo, vedendo che il cafone non aveva capito niente, disse: “Chicchirichì! Chicchirichì! Come è fesso l’uomo!”.

E il contadino: “Né, ma tu ce l’avessi con me? Il gallo facendo finta di niente se ne andò dove stavano le galline.

Ora, il fatto che il gallo ripeteva sempre: “Chicchirichì! Chicchirichì! Come è fesso l’uomo!”, andò avanti per parecchi giorni e il cafone, dai oggi e dai domani, se imbestialì e disse: “Gallo, gallo, prima o poi se non la smetti ti torco il collo”.

Ma u galle continuava imperterrito a ripetere sempre la stessa frase.

Il contadino, un bel giorno, stanco di sentire sempre le stesse cose, decise di ammazzare il gallo e mise nella bisaccia un lungo coltello.

Il gallo appena lo vide, cominciò: “Chicchirichì! Chicchirichì! Come è fesso….!”, ma non riuscì a finire la frase perché il cafone entrò nel pollaio e con il coltello tagliò la gola al gallo.

Il cafone, tutto contento, lo prese per le zampe e disse: “Ora ti porto a casa e così mia moglie mi prepara i maccheroni con il sugo di galletto”.

Mentre tornava a casa, il gallo con un filo di voce continuava a dire: “Chicchirichì! Chicchirichì! Come è fesso l’uomo!”.

“Fai tu, che dopo faccio io”, diceva il cafone.

Quando arrivò a casa, appoggiò la zappa, si tolse la bisaccia dalle spalle e appoggiò il galletto sopra il tavolo della cucina e andò verso la camera da letto per svegliare la moglie.

All’improvviso sentì tanti rumori e risatine che provenivano dalla camera da letto; spostò la tenda e zitto-zitto s’affacciò e vide la moglie con un altro uomo, tutti nudi, sopra il letto che si facevano moine e ridevano come matti.

Quell’uomo, ridendo disse: “Tuo marito è proprio un gran cornuto!”. E la moglie: “No, è solo un povero fesso”.

Il cafone sentendo quelle parole, andò in cucina prese il coltello e in quattro e quattr’otto tagliò la gola a tutti e due quei fetenti. In quel momento, il gallo alzò la testa e con le poche forze che gli rimanevano, disse: “Chicchirichì! Chicchirichì! Come è fesso l’uomo!”.

Il cafone capì quello che voleva dire il gallo, ma era troppo tardi perché arrivarono i carabinieri e lo arrestarono.