U GGIROTONDE

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

 

 

U GGIROTONDE

‘Na vóte p’i strade se truvave sèmbe quacche morre de crejature ca facéve stu juche.

Puparèlle ch’i vestetèlle de fustagne e i trezzolle o ch’i capille c’u ciuciuppille ùnde d’ùglje, muccusille ch’i cavezungille c’a péttele, ggeravane atturne atturne  mèndre se tenèvene pe mmane, e lucculavene ‘na felastrocche, quase sèmbe ca nen vuléve dì ninde.

‘A felastrocche che s’ausave de cchjù ére:

Giro giro tondo

cavallo impero tondo

centocinquanta

la gallina canta

canta sola sola

non vuole andare a scuola

giro giro tondo

casca la terra

e tutti giù per terra.

E tutte i crejucce s’accucculavene pe ndèrre.

 

IL GIRO TONDO

Una volta per le strade si trovava sempre qualche gruppo di bambini che faceva questo gioco.

Bambine come bamboline con le vestine di fustagno e le treccine o con i capelli con il codino di capelli unti d’olio, bambini con i pantaloncini con parte della camicia che le penzolava , giravano intorno  mentre si tenevano per mano, e gridavano una filastrocca, quasi sempre senza significato.

La filastrocca che si usava di più era questa:

Giro giro tondo

cavallo impero tondo

centocinquanta

la gallina canta

canta sola sola

non vuole andare a scuola

giro giro tondo

casca la terra

e tutti giù per terra.

E tutti i bambini si accovacciavano per terra.