U LUPE E I PÈCURE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Na vóte nu lupe, seccóme se vuléve cumbessà, jije da nu mòneche remìte ca abbetave sóp’a nu pònde; e sse vattéve mbitte, p’u despiacére ca isse s’ére magnate tanda pècure e ttand’ati nnemale. Pò’ u mòneche i decìje de pendìrese d’i peccate e qquille sùbbete respunnìje ca sì.

Mò’ chè ssuccedìje? Pròpreje nd’a quillu mumènde ca ce mettìje a mane ngape chè l’év’a dà assoluzzióne, passàrene da llà ‘na mòrre de pècure, che jèven’a vvéve a jummare.

U lupe, sendènne i pècure ca sckamàvene, se vutàje e ddecìje: “Zi mò’, statte nu póche citte, famme sènde!”. E u ddummannàje ch’ére succisse.

“Sònne i pècure, chè vann’a jummare”, respunnìje u moneche.

Allóre jije u lupe e ddecìje: “Prèste, patre, ca pàssene i pècure… Mé’, fa’ sùbbete, perdùneme sti peccate, ch’agghja còrre, m’è vvenute nu vulìje de magnàreme n’ata bbèlla pècure!….

 

IL LUPO E LE PECORE

Una volta un lupo, poiché voleva confessarsi, si recò da un frate eremita che abitava su un ponte; e si batteva il petto per il dispiacere, dato che aveva divorato tante pecore e tanti altri animali. Poi il frate gli raccomandò di pentirsi dei peccati e lui acconsentì.

Ora, proprio nel momento in cui il frate gli poneva la mano sul capo per rimettergli i peccati, passò di là un gregge di pecore, che andavano a bere al fiume.

Il lupo, nel sentire belare le pecore, subito si rivolse al frate dicendo: “Padre, sta’ un po’ zitto, fammi sentire!”. E gli domandò che cosa fosse accaduto.

“Sono pecore che vanno a bere al fiume”, rispose il frate.

Allora il lupo disse: “Presto, padre, che le pecore vanno via… Su, sbrigati, dammi l’assoluzione, perché devo correre, mi è venuto il desiderio di mangiarmi un’altra bella pecora!…”.