U LUPUNARE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Vúne d’i cúnde cchjù paverúse ére quille d’u lupunare.

I papanonne nústre, assettate atturn’o vrascíre, ci’accundavene ca i crestijane ch’érene nate ‘a notte de Natale, se trasfurmavene e devendavene lupunare e cercavene de zumbà ngúlle a quilli puurille ca passavene vecíne, tra lucchele e lamínde de lupe.

Stu fenomene succèdeve quase sèmbe ‘a sére a nnotte de vírne, cchjù ssaje quanne stéve ‘a lúna chjéne.

A quilli tímbe, tutte quande tenévene pavúre e a ‘na cèrt’óre tutt’i crestijane se nghiúdévene nd’a case e tenévene a ppurtate sèmbe nu curtille o nu pundarúle pecché se decéve ca pe salvarese da u lupunare:

  • L’avíve spungecà pe ffà sscì u sanghe malate;
  • T’aviva mètte o cendre de doje strade (ndo se facéve ‘a croce);
  • L’avíve mbonne che l’acqua bbenedètte;
  • Avíve nghianà sópe ‘na scale o sóp’a n’àreve;
  • L’avíve dì: “Síme cumbare de Sangiuuanne”.

Papanonne che ére varevíre, ‘na sére a nnotte de vírne, turnave a casa súje dope che ére júte a menà i sanguètte a nu malate anzime o dottóre Travesonne.

A quilli tímbe, papanonne nen tenéve u salóne e abbetave de rembètte o pertóne ‘i Fate (víje D’Auria).

Tramènde accumenzave a cammenà nda víje San Carle (ogge víje Ten. Michele Schiavone) sendíje luccuhele e lamínde ca venévene d’a strade Petrille.

Papanonne, mbaverúte, accumenzaje allungà u passe ma i lucchele e i lamínde se facévene sèmbe cchjù vecíne.

Sèmbe cchjù mbaverúte, papanonne accumenzaje a corre e appène arrevaje annanze a casa súje, arapije ‘a vetríne, chiudíje i pacche d’a porte de réte, stutaje a luce e facéje stà citte tutt’i crejatúre.

Dope nu poche accumenzaje a sènde i remúre arréte a porte, lucchele e lamínde forte pe nu bbèlle poche de tímbe.

A chiana a chiane u lupunare se calmaje e se ne jíje pe rréte Zzuneche.

Pure íje agghje sendúte i lucchele d’u lupunare, anzime a frateme Toníne, quanne íje abbetave anzime a zijaneme Ggiuseppíne sóp’u cafè de Marine ndo millenovecìndesessandanove.

Ma cúm’érene fatte sti lupunare?

Tanda ggènde credéve ca i crestijane ch’érene nate ‘a notte de Natale, se trasfurmavene e addevendavene nnemale, c’u músse allungate, ch’i píle, zanne e ógne longhe e cammenavene che mane e ppide.

Ce stéve, nvéce, chi decéve ca “i lupunare” érene povere malate de pítte, de córe, d’àsme o ati malatíje ca purtavene delúre de cape o ngúrpe e che nde case, nda vírne, c’u fíte d’i caravúne nen putévene resperà e asscèvene pe pigghjà àreje e sperà ca i delúre se ammurtévene.

Seccóme i puurille se vergugnavene pecché tanne ére scrupele, pe nen èsse canessciúte mettévene a pavúre i crestijane che passavene vecíne.

 

IL LUPO MANNARO

Uno dei racconti più paurosi era quello del lupo mannaro.

I nostri nonni, seduti intorno al braciere, ci raccontavano che le persone che erano nate la notte di Natale, si trasformavano e diventavano lupi mannari e cercavano di saltare addosso a quei poverini che gli passavano vicini, tra grida e ululati da lupo.

Questo fenomeno succedeva quasi sempre a sera inoltrata d’inverno, soprattutto quando c’era la luna piena.

A quei tempi, tutti quanti avevano paura e ad una certa ora tutte le persone si rinchiudevano nelle case ed avevano sempre a portata di mano un coltello o un punteruolo perché si diceva che per salvarsi dal lupo mannaro:

  • Lo dovevi pungere per fargli uscire il sangue malato;
  • Ti dovevi mettere al centro di due strade (dove formavano una croce);
  • Lo dovevi bagnare con l’acqua benedetta;
  • Dovevi salire sopra una scale o sopra un albero;
  • Gli dovevi dire: “Siamo compari di San Giovanni.

Mio nonno che era barbiere, una sera tardi d’inverno, tornava a casa sua dopo che era andato, insieme con il dottor Trivisonne, da un malato a fargli un salasso con le sanguisughe.

A quei tempi, mio nonno non aveva il salone e abitava di fronte al portone delle “Fate” (via D’Auria).

Mentre cominciava a camminare nella via San Carlo (Oggi via Ten. Michele Schiavone) sentì grida e lamenti che venivano dalla strada “Petrilli”.

Mio nonno, impaurito, incominciò ad allungare il passo ma le grida e i lamenti si facevano sempre più vicini.

Sempre più impaurito, mio nonno incominciò a correre ed appena arrivò davanti casa sua, aprì la porta a vetri, chiuse le porte di dietro, spense la luce e fece stare zitti tutti i bambini.

Dopo un po’ cominciò a sentire i rumori dietro la porta, grida e forti lamenti per un certo lasso di tempo.

Piano piano il lupo mannaro si calmò e se ne andò per via Zunica.

Anche io ho sentito le grida del lupo mannaro, insieme a mio fratello Tonino, quando io abitavo insieme a mia zia Giuseppina sopra al caffè di Marino nel 1969.

Ma com’erano fatti questi lupi mannari?

Tanta gente credeva che le persone nate la notte di Natale, si trasformavano e diventavano animali, con il viso allungato, con i peli, zanne e unghie lunghe e camminavano a quattro zampe.

C’era invece chi diceva che i lupi mannari erano poveri malati di tisi, di cuore, di asma o di altre malattie che portavano mal di testa o di pancia e siccome nelle case d’inverno, questi non riuscivano a respirare per la puzza dei carboni, uscivano per respirare meglio e sperare che i dolori si calmassero.

Siccome questi poveretti si vergognavano perché allora era motivo di vergogna, per non essere riconosciuti impaurivano le persone che gli passavano nelle vicinanze.