U MAGNA-MAGNA

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

U magna-magna

Vì, vì, cume magne !

‘ndavele, vuzzejèje, e maje se ‘ncagne.

Cu musse ‘ndu piatte sprufunnate,

magne sèmpe, a vita tagghjate,

a facce de quille c’à pagate.

A fame nnu lasse maje de pède:

u truve sèmpe annanze, maje arrète,

pronte a cegghià chi vèda-vède.

 

L’approfittatore

Guarda, guarda come mangia!

a tavola mangia con sazietà, e mai si arrabbia.

Con il viso sprofondato nel piatto,

mangia sempre,

alla faccia di chi ha pagato.

La fame non lo lascia mai:

lo trovi sempre davanti, mai indietro,

pronto a pungere chi si para davanti.