U MARÍTE E ‘A MUGGHJÉRE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

U MARÍTE E ‘A MUGGHJÉRE

Jìrene a Ggerusalèmme pe ‘na vacánze,

ma ’a mugghjere avíje bbesóggne d’a mbulánze.

P’a povera meserìne nge stíje ninde da ffà,

quille stèsse júrne veníje a mmangà.

 

Chi u sapéve ch’éva jì propete accussì,

che ‘sta crestijáne ‘a mborchje avéve murì.

Sùbbete arreváje u tavutáre che decíje o marite,

che puurille ère angόre tutte avvelúte:

 

“Si vúje ‘a mugghiérete t’a putíme mannà a cása túje,

e a όgne cόse e a spedì ce penzáme núje.

Ma ‘stu fátte dicemile eure te véne a custà,

dèversamènde a qquà a putíme rubbrucà “

 

E custáve ‘stu murtoreje e púre i letaníje,

sckitte  tremilecinghecìnde eure na fessaríje.

Ma o’ marìte che stéve sèmbe cchjù adduluráte,

‘sta chestiόne nn’i paréve tánde azzeccáte.

 

U bell’όme tánde afflitte ce penzáje ‘na zènne

sόpe i solde ch’avéve accussì da spènne.

E doppe decíje o’ tavutáre: “M’à vogghje purtà a Lucére,

o’ cambesánde nústre ‘a povera mugghjére”

 

 “M’ànne dítte che tánde tánde tímbe ffà,

nu sánde crestijáne è múrte nda ‘stu pajése a qquà.

E po’ succísse nu fátte che nze víste máje,

doppe trè júrne rubbrucáte quille resusscetáje.

.

E íje cumbà ténghe nu penzíre p’a cocce,

mánghe li cáne quánne ngocce,

che quille ch’è capetánne tánne,

po succède magáre angóre auánne.”

 

IL MARITO E LA MOGLIE

Andarono a Gerusalemme per una vacanza,

ma la moglie ebbe bisogno dell’ambulanza,

Per la povera miserina non ci fu niente da fare,

quello stesso giorno venne a mancare.

 

Chi immaginava che doveva andare proprio così,

che questa poveretta così lontano doveva morire.

Subito arrivò quello delle pompe funebri che disse al marito,

che poverino era ancora avvilito:

 

“Se vuoi tua moglie la possiamo inviare a casa tua,

e a ogni cosa e alla spedizione ci pensiamo noi.

Ma questa procedura diecimila euro ti viene a costare,

altrimenti qui la possiamo seppellire.”

 

E costava questo funerale compresa la cerimonia,

solo tremilacinquecento euro una fesseria.

Al marito che era sempre più addolorato,

questa faccenda non sembrava tanto azzeccata.

 

Il signore tanto affitto ci pensò un momento,

su i soldi che così doveva spendere.

E dopo disse all’addetto:” La voglio portare a Lucera,

al nostro cimitero la mia povera moglie.”

 

“Mi hanno raccontato che tanto e tanto tempo fa,

un sant’uomo è morto in questo paese.

E quindi è successo qualcosa che non si era vista mai,

dopo tre giorni seppellito egli è resuscitato.”

 

“Senti amico io ho un pensiero per la testa,

di cui non rispondo quando si intestardisce,

che quello che è capitato allora,

può succedere ancora adesso.”