U MBREJACONE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

COSTANTINO CATAPANO

U MBREJACONE

Accumenzave d’a matine

a fà visete p’i candine

e fin ‘a sère, che Cicce e Cole,

a fà i sebbùliche p’i casaròle.

Fra quindarille e mizze-quinde,

quanne se vace a reterà,

u puje probbete vedegnà.

Ma nen s’è avezate na matine

e ha chiamate a don Giacchine.

Quanne u mideche l’à vesetate,

à vulute sapè cume l’à truvate.

U dettore pe se spiegà,

ha ditte probbete a veretà.

Me despiace, à respuste u ‘mbriache,

stavòte avaramènte te si sbagliate:

si acque, addavère, tu àje truvate,

è state u candenire ca m’à frecate.

 

L’UBRIACONE

Incominciava dalla mattina

a far visita per le cantine

e fino a sera, che Ciccio e Cola,

a fare i sepolcri per le cantine private.

Fra piccoli quinti e mezzi quinti,

quando va a ritirarsi,

lo puoi proprio vendemmiare.

Ma una mattina non si è alzato

e ha chiamato don Gioacchino.

Quando il dottore lo ha visitato,

ha voluto sapere come l’ha trovato.

Il dottore per potersi spiegare,

gli ha detto proprio la verità.

Mi dispiace, ha risposto l’ubriaco

questa volta ti sei sbagliato:

se acqua, veramente, hai trovato,

è stato il cantiniere che mi ha fregato.