U MBRIACÓNE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Ce stéve ‘na vóte ‘na fèmmene ca tenéve nu marite mbriacóne. Stéve desperate e, ne nzapènne che cchi cunzegliàrese, jije da l’acceprèvete chè abbetave llà vvecine. E l’acceprèvete cercàje de dì a stu mbriache quille ch’éve fa, e u dije u cunziglje de véve a mesure.

A mugghjére tutta cundènde chè acceprèvete c’éve date stu cunziglje. Ma, a fine d’i cunde, quille se mbriacave de cchjù de prime. Peccchè ‘a mesure pe isse ére nu vucale, e, a òggne’e vvèppete, se sculave nu vucale.

‘A pòvera fèmmene turnàje da cape d’acceprèvete e sse maravigliave: “Nèh, che ccunziglje ci’àje date?!…”. “Ci’àgghje ditte c’a mesure”. “E qquille s’à ppegghjate u vucale e sse l’à sculate tutte quande!”.

Decije acceprèvete: “Mannamille da cape da mè”.

“Sinde, stu cunziglje tu ne ll’è sendute. Mò’ cirche de véve a llungh’a llunghe”. “Spèriam’a Ddije, – decije ‘a mugghjere – chè n’atu cunziglje u pote salvà…”.

Ma quille ndreppetàje stu a llungh’a llunghe, mettènne nu tubbuline vecine a vocche d’a brocche, e vvevéve fin’a cchè se sazziave.

‘A mugghjére turnàje n’ata vóte d’acceprèvete. Decìje: “ Ma chè mm’àje cunzegljate, acceprèvete mije….. a llungh’a llunghe…. Quille s’à pegghjate u tubbuline e vvéve cchjù de l’ati vóte”.

“Mé’, allóre facìme accussì…. Quanne se mbriache n’ata vóte, vìnemill’a dì”.

E quanne ‘a fèmmene currìje n’ata vóte a ddì chè u marite ère mbriach’a mmòrte, lacceprèvete chiamàje u sagrestane: “Va llà, – ce decìje – carechìjele sóp’i spalle e mmittele dind’a stu nicchje. E mmìttete de guardeje e rrespunne cume se déve…..”.

Quanne u mbriache cumenzàje a rrevenì, se guardàje atturne e se maravegliàje. Decìje: “Ndò sténghe?”. Vace u sagrestane e rrespònne: “Nd’a l’infèrne!”. “E se vènne u vine?”. “Cóme….”. “Mò’ fuje, va nd’u taschine, chè ce sta nu carline, e ppùrteme u vine!”.

 

L’UBRIACONE

C’era una volta una donnache aveva un marito ubriacone. Era disperata e, non sapendo con chi consigliarsi, andò dal parroco che abitava lì vicino. E il parroco cercò di dire a questo ubriacone quello che doveva fare; e gli diede il consiglio di bere con la misura.

La moglie era tutta soddisfatta che il parroco gli aveva dato questo consiglio. Ma, alla fine dei conti, quello si ubriacava più di prima. Sì, perché per lui la misura era un boccale, e, ad ogni bevuta, si tracannava un boccale intero.

La povera donna tornò di nuovo dal parroco e si mostrava stupita: “Spiegatemi un po’, che consiglio gli avete dato?!….”. “Gli ho detto con la misura”. “E quello ha preso il boccale e se l’è tracannato tutto quanto!….”. Le rispose il prete: “Mandalo di nuovo da me”.

“Senti, questo consiglio tu non l’hai ascoltato; ora cerca di bere a llungo a lungo”. “Speriamo con l’aiuto di Dio – commento la moglie – che un altro consiglio lo possa salvare”.

Ma quello interpretò questo a lungo a lungo col mettere una cannetta alla bocca della brocca; e beveva fino a che si saziava.

La moglie tornò un’altra dal parroco. Dice: “Ma che mi hai consigliato, parroco mio… a lungo a lungo….. Quello ha preso la cannetta e beve più delle altre volte”. “Bene, allora facciamo così… Quando si ubriaca un’altra volta, vieni ad avvertirmi”.

E quando la donna corse un’altra volta a riferire che il marito era ubriaco fradicio, il parroco chiamò il sagrestano: “Va’ lì, – gli disse – caricatelo sulle spalle e mettilo dentro questo loculo. E mettiti di guardia e rispondi a tono…”.

Quando l’ubriaco cominciò a rinvenire, si guardò attorno e faceva le sue meraviglie: “Dove sto?, disse. E il sagrestano, rivolto a lui, rispose: “Nell’inferno!”. “E si vende il vino?”. “Eccome!…” “Corri, presto, prendi la giacca, vedi nel taschino, lì c’è un carlino, e portami il vino”.