U MÌDECHE E U PESSCIAJÙLE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Ce stéve nu padre e nu figghje ch’érene mìdeche. Nu jurne s’appresendàje nu crestijane che ‘na mane abbuttate. Facéve a ànem’a àneme. Decìje: “Dòttò’, vide ch’è fa, chè qqua agghje fatte ‘na nuttate che Ddije sóle u sape”.

Seccólme u pessciajùle s’appresendave che ‘na bbèlla spasèlle de pèssce friscke, u mìdeche u sule medecaje. E ccussì stu fatte jéve nnanze pe pparicchje jurne, e u mìdeche se frecave sèmbe u pèssce friscke.

Nu jurne chè u padre mìdeche s’è allundanate, se n’ére scurdate d’avvesà u figghje. Arrevàje u pessciajùle, sèmbe c’u pèssce friscke. U figghje guardàje bbèlle bbèlle e vvedìje ‘na spine e cci’à luàje. U crestijane dìje nu suspire de sullive. Se sandìje n’at’e ttande, e ddecìje: “Addefriscke l’àneme d’u Pregatoreje!”.

Quanne po’’ è vvenute u padre, u figghje: “Nèh, papà, – decìje – a qquille l’è fatte patì pe ttanda timbe. ‘A spine ne ll’ive viste?…”Ch’è fatte? U vedè chè ce l’àje luuàte!….”. “Ije ce l’agghje luuàte. Chè, ci’à vulìve fa tenè pe bberlòcche?!…”. “Oh frèchete! Evviv’a lu fèsse!… – decìje – Mò’ u pèssce t’u magne cchjù mbacci’a cceccille!… Tu vaj’a ccattà!….”.

 

IL MEDICO E IL PESCIVENDOLO

C’era un padre e un figlio che erano medici. Un giorno si presentò un uomo con una mano gonfia. Non faceva che lamentarsi: “Dottore, vedi che devi fare, ho trascorso una notte che Dio soltanto può sapere.

Siccome il pescivendolo si presentava con una bella cesta di pesce fresco, il medico fece solo la medicazione. E così questo fatto andò avanti per parecchi giorni, e il medico si fregava sempre il pesce fresco.

Un giorno che il padre medico si allontanò, si dimenticò di avvertire il figlio. Arriva il pescivendolo, sempre col pesce fresco. Il figlio guardò ben bene e vide una spina e gliela tolse. L’uomo tirò un sospiro di sollievo. Si sentì meglio, e disse: “Siano benedette le anime del Purgatorio!”.

Quando poi tornò il padre, il figlio: “Di’ un po’, – disse – quel poveretto l’hai fatto soffrire per tanto tempo. La spina non l’avevi vista?…”.

“Che hai fatto? Vuoi vedere che gliel’hai tolta?!…”. “Gliel’ho tolta. Che, gliela volevi far conservare per gioiello?!…”. “Oh frecati! Evviva il fesso!… – disse – Ora il pesce te lo mangi più nel binocolo… Te lo vai a comprare!”.