U MÍDECHE SÁCCHE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Raffaele Montanaro per tornare all’indice

RAFFAELE MONTANARO

U MÍDECHE SÁCCHE

Quille bbèllóme c’u bbastóne sòtt’u vrázze,

c’a ggiacchètte che parève ‘na vesázze,

ère don Ggíre Sácche, u mídeche d’i puverètte,

sèmbe pronde c’u lappese a ffà ‘a rezzètte.

 

Da matíne a sère p’u pajèse ggeráve

pecchè tánn‘a mutue nge stáve

e farese curà dinde o’ spedále

assemegghjáve ‘na cóse pegge d’u mále.

 

Pe stà cchjù vecín’a i puverètte,

arapèje sóp’e múre nu spedalètte

 e ce mettèje tánda cúre e umanetà

che a isse u chiamarene u mídeche d’a bbundà.

 

È státe nu galandóme e nu benefattóre,

p’u bbène che facève che tánd’amóre,

e se sèmbe ce l’avúme recurdà,

‘na stráde de Nucére l’anna ndestà.

 

IL MEDICO SACCO

Quel signore col bastone sotto il braccio,

con la giacca che sembrava una bisaccia,

era Don Ciro Sacco, il dottore dei poveri,

sempre pronto con la matita a redigere una ricetta.

 

Dalla mattina alla sera girava per il paese

perché allora la mutua non esisteva

e farsi curare in ospedale

era qualcosa peggio del male.

 

Per stare più vicino alla povera gente,

aveva aperto un piccolo ospedale sopra le mura

e ci metteva tanta cura e umanità

da essere chiamato il medico della bontà.

 

E’ stato un galantuomo e un benefattore,

per il bene che faceva con tanto amore,

e se per sempre lo vogliamo ricordare,

una strada di Lucera gli devono intestare.