U MÒNECHE D’A PIETÀ

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “Ce stéve ‘na vóte……a’kkussì s’akkundav’a Llucére” di Pasquale Zolla

Affianghe a cchjìse d’a Piètà, stéve nu cummènde tenùte da i munece d’a cungréje de Sand’Andoneje de Padùue.

Atturn’atturne ce stéve nu bbèlle curtigghje grusse andò i munece facèvene l’urtucillendò chiandavene: cepòlle, acce, pemmedòre, catalogne, ressckaròle, cecurijèlle, petrusine, vasenecóle, jéte.

Ce stève pure quacche àreve de fiche e quacche ffelare de vite pe ffà u vine janghe p’a Mèsse e u vine russce pe vvéve a tavele.

I munece, fategavene nda l’urte e jèvene pure case pe case pe ddummanna ‘a lemòsene: solde, ùglje, pane e ttute quille c’a ggènde putéve dà.

Mò, ca succedìje?.

Nu moneche, a mman’a mmane ca passave u timbe, addevendave sèmbe cchjù cciutte, tande che ‘a trippe assemegghjave a ‘na vòtte.

I crestijane, ca nen ze fanne maje i fatte lóre, quann’u vedèvene u ddummannavene: “Frà Bbartulumè, che te ssuccisse?….. O cummènde se maggne bbune!”.

E ffrà Bbartuluméje: “Se magne bbune?!…. Nuje cambame d’a caretà d’i crestijane e de quacche fògghje c’arrive d’a l’urte!”.

E quille: Ma cùme maje è fatte stu treppóne?”.

“Éje tutt’areje quèlle ca stà dinde a trippa mìje……, sckitte ca nen vól’asscì e mme fazze sèmbe cchjù tunne!”, respunneve u mòneche.

“Allóre nne maggne o cumménde!, cundunuuavene a ddì.

“Cùme nò?!…. Quanne u stòmeche ssckame, l’è jènghe!”, decéve u mòneche e i crestijane, fetìnde e maligne, se facévene ‘na bbèlla resatèlle.

A mman’a mmane ca passavene i jurne, frà Bbartuluméje a ndò jéva jéve, lemòsene nn’avéve e i crestijane, cùme isse ggerave cuzze, arréte ce decèvene:

“E bbrave!…. U mòneche d’a Pietà: maggn’è vvéve e nne mbote cacà!”.

 

IL MONACO DELLA PIETÀ

A fianco alla chiesa della Pietà, stava un convento gestito dai monaci dell’ordine di Sant’Antonio da Padova.

Intorno c’era un bel cortile grande dove i monaci avevano fatto un orto nel quale avevano piantato: cipolle, sedano, pomodori, catalogna, scarola, cicoria, prezzemolo.

C’era anche qualche albero di fichi e qualche filare di vite per fare il vino bianco per la messa e il vino rosso da bere a tavola.

I monaci, lavoravano nell’orto e andavano, anche, a chiedere l’elemosina casa per casa: soldi, olio, pane e tutto ciò che la gente poteva dare.

Ora che cosa successo?.

Un monaco, man mano che passava il tempo, diventava sempre più grasso, tanto che la pancia sembrava ad una botte.

Le persone, che non si fanno mai i fatti loro, quando lo vedevano, gli chiedevano: “Fra Bartolomeo, che cosa ti è successo?…. Al convento si mangia bene!”.

E fra Bartolomeo: “Si mangia bene?!….. Noi viviamo della carità delle persone e di qualche verdura che cresce nell’orto!”.

E quelli: “Ma come mai hai fatto questo trippone?”.

“È tutta aria quella che sta nella mia pancia…., solo  che non vuole uscire e perciò mi faccio sempre più rotondo”, rispondeva il monaco.

“Allo non mangi al convento!, continuavano a dire.

“Come no?!…. Quando lo stomaco brontola, lo devi riempire!”, diceva il monaco e le persone, fetenti e maligni, si facevano una bella risatina.

Man Mano che passavano i giorni, frate Bartolomeo dovunque andasse non riceveva elemosine e le persone, come lui si girava, dietro gli dicevano:

“E bravo!…. Il monaco della Pietà: mangia e beve e non può cacare!”