U MÚRTE È U MÍJE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

U MÚRTE È U MÍJE

Papanonne tutte ndulettate,

stace múrte ndò tavúte de noce

ch’i cannelíre atturne, che ‘na croce

e ch’i spícchje e devane accumegghjate.

 

Atturne ànne misse sègge e pultrungíne

e ànne lassate ‘a porte apèrte.

Arrivene i ggènde a purtà u salúte

e se sende dì: “Ére n’u bbune crestijane”.

 

S’abbije u resareje tra ‘na trideche e n’àvete.

Arrive u cafettíre che ‘na bbella guandíre

chjéne de ciuculate e raffajúle: “Che duuére!”.

U delóre se calme nu poche c’a ciuculate.

 

P’a vèglie, sule i parinde rèstene

e pure ‘na vecine de case s’è fermate.

Sta puurèlle abbíje a chiagne tutt’addulurate;

e nissciúne sapéve cúme calmà ‘a crestijane.

 

Zíjaneme, che nen capéve stu chiande

e stu delóre d’a cummare, decije:

“Cummà u múrte è u míje,

me dice pecché te staje spandecanne tande?

 

‘A cummare sùbbete ruspunníje:

Ije nen stenghe chiagnènne p’u vécchje

che è múrte de vecchiaje,

ma pecché me face recurdà u maríte míje”.

 

IL MORTO È MIO

Nonno con il vestito buono,

giace morto nella bara di noce

con i candelieri intorno, con una croce

e con gli specchi e divano coperti.

 

Intorno hanno messo sedie e poltroncine

e hanno lasciato la porta aperta.

Arrivano le persone a fare le condoglianze

e si sente dire: “Era una buona persona”.

 

Inizia il rosario tra una critica e un’altra.

Arriva il barista con un bel vassoio

pieno di cioccolata e savoiardi: “Che dovere!”.

Il dolore si calma un poco con la cioccolata.

 

Per la veglia, restano solo i parenti

e pure una vicina di casa si è fermata.

Questa poverina incomincia a piangere molto addolorata;

e nessuno sapeva come calmare la donna.

 

Mia zia, che non capiva questo pianto

e questo dolore della comare, disse:

“Comare il morto è il mio,

mi dici perché ti stai disperando tanto?

 

La comare subito rispose:

Io non sto piangendo per il vecchio

che è morto di vecchiaia,

ma perché mi fa ricordare mio marito”.