U MURTÓREJE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

U MURTÓREJE

‘A meseréje è sèmbe ‘na bbrutta bbésteje,

malatíje, uàje, sfertúne e morte se carreje.

Nd’a quilli cáse èsse ère ddevendáte ‘na cundánne,

nze putéve fà ninde, s’ère rotte ‘a mézza cánne.

 

Ma ‘sti crestijáne l’èvene angóre magnà u páne amáre,

sóp’u cútte l’acqua vellúte e p’a morte se facírene cumbáre.

Capitáje che u stèsse júrne murírene u pádre e u crijatúre,

parève che a quille l’avévene fátte propete ‘na sorte de fattúre.

 

Mánghe nu  bbèlle murtóreje putírene ffà,

pecchè i mommabbíje nge stévene a llà.

Mberciò i parínde mettírene nd’a stèssa cássce,

u pádre e u crijatúre mizze e’ cósse abbássce.

 

Tramènde i jévene a rubbrecà c’u tuppet’e ttù,

‘a mugghjere meschíne ng’ia facéve cchjù.

Lucculáve cúm’e ‘na mátte p’u delóre,

condre u maríte cúme se quiste fósse nu tradetóre.

 

“Maríte míje amáte nzáje che uàje è cumbenáte,

te ne si jjúte a l’atu múnne e sola sola m’è lassáte.

Íje nen chiágne tánde pe ttè e me véne ‘a mosse,

ma sckitte pe quille che tíne ammizz’i cosse.”

 

IL FUNERALE

La miseria è sempre una brutta bestia,

malattie, guai, sfortuna e morte si trascina dietro.

In quella casa essa era diventata una condanna,

non c’era niente da fare, era una vera ingiustizia.

 

Ma questa gente dovevano ancora patire altre disgrazie,

erano ancora guai su guai e con la morte divennero compari.

Successe che lo stesso giorno morirono il padre ed il bambino,

sembrava che a questa gente avevano fatto veramente un grosso malocchio.

 

Neanche un bel funerale potettero fare,

perché i soldi necessari non avevano là.

Perciò i parenti misero nella stessa bara,

il padre ed il bambino tra le gambe in fondo.

 

Mentre li stavano portando al cimitero con il carro dei poveri,

la moglie meschina non ce la faceva più.

Gridava come una matta per il dolore,

contro il marito come se questo fosse un traditore.

 

“Marito mio adorato non sai che guaio hai combinato,

te ne sei andato all’altro mondo e da sola mi hai lasciata.

Io  piango non tanto per te e mi sento mancare,

ma solamente per quello che hai tra le gambe (il bambino).