U NZENZUSE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

  

 

COSTANTINO CATAPANO

U nzenzuse

U vide sèmbe lampe-lampe,

a zùnze scòle da tutte vanne;

i gènte u ‘ndènnene strazza-cappe,

chi u vède u scanze, se ne scappe.

De lavarese, arrasse sije,

à fatte asciarre ca pulezìje.

Cucchiare e fercine non vole ausà,

pecché chi mane addà magnà.

Se ‘nzunzejèje, da cape a u pède,

e nen te diche cume fète;

chi probete l’add’avvecenà,

u nase, c’a mullètte, s’adda uppelà.

 

Lo sporcaccione

Lo vedi sempre pieno di macchie,

a zonzo, da tutte le parti;

le persone lo conoscono come pezzente,

chi lo vede lo scansa e se ne scappa.

Di lavarsi, lontano sia,

ha litigato con la pulizia.

Cucchiai e forchette non vuole usare,

perché con le mani deve mangiare.

Si sporca, da capo a piedi,

e non ti dico come puzza;

chi proprio deve avvicinarlo,

il naso, con la molletta, deve chiudere.