U PADRE ZAPPATÓRE CHÈ FACÌJE U FIGGJE MÌDECHE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Nu pòvere zappatóre se mettìje ngape de fa u figghje mìdeche, e che ttanda stinde ci’arrejesscìje.

Quanne u figghje s’arreteràje c’a làureje, vulìje speremendà chè struzzióne tenéve u figghje e u ddummannàje: “Dimme ‘na cóse, tu ch’àje tande studiate, quale pót’èsse pe n’óme a meggja suddesfazzióne?”. E u figghje accussì repunnìje: “A mègghja suddesfazzióne è ‘na cacate!”.

Rumanìje ndussecate u patre e, chiagnènne a ttand’i làgreme, se ne jije e ddescanusscìje u figghje, chè l’ére custate tanda sagrificeje.

U timbe passàje e ccadìje malate u puurille. E, ggire da qqua e ggire da llà, se truuàje a jjìrese a vvesetà da nu mìdeche chè c’èvene ditte bbrave assaje, ch’i mustazze! Ére pròpreje u figghje, ma isse nn’u canusscìje. Ére devendate mburtande: che llòrge, nill’o dite e vvàreva mbacce. U figghje u canusscìje e nd’a capa suje decìje: “È rrevate u mumende! Ije e ttè amma èsse duje. E ppò’ vedìme chi téne raggiòne….”. E ddije òrdene o’ nfermìre de nn’u fa maje trasì.

N’óre, doj’óre, trè óre…. Passàje ‘na mèzza jurnate. U curpe se facév’a ssènde. Cumenzàje a stòrcese sóp’a sègge. Cumenzàje a ccagnà chelóre, ne nne putéve cchjù, fin’a quanne cercàje u permèsse, ma u nfermìre decìle che nge stéve ‘a pussebbeletà de jì.

Quanne cumenzàje a ssènde fridde, u figghje, d’accòrde c’u nfermìre, u chiamàje e u facìje jì, decènne chè facéve ‘na grand’accezzióne.

Quann’asscìje tuttr stennerecchjate, decìje ambacci’o mìdeche: “Ncumbedènze v’agghja dì ‘na cóse, prime ca me vesetate… È ppròpreje luuére cume decéve figghjeme ca, nd’a vite, ‘a megghja suddesfazzióne è ‘na cacate!”.

“Ah, – se vutàje u figghje – finalmènde, papà!… Ce n’e vvelute pe ccunvingerte…”.

 

IL PADRE ZAPPATORE CHE FECE IL FIGLIO MEDICO

Un povero zappatore si mise in testa di fare il figlio medico e, con tante fatiche e stenti, ci riuscì.

Quando il figlio si ritirò a casa con la laurea, il padre volle provare che istruzione avesse il figlio e gli chiese: “Dimmi una cosa, tu che hai studiato tanto, quale può essere per un uomo la migliore soddisfazione?”. E il figlio rispose: “La migliore soddisfazione? Tu non potresti crederci, ma la migliore soddisfazione è una cacata!”.

Il padre rimase di stucco e, piangendo a grosse lacrime, se ne andò e disconobbe il figlio che gli era costato tanti sacrifici.

Il tempo passò e il poveretto cadde ammalato. E, gira di qua e gira di là, gli capitò di andare a farsi visitare da un medico che gli avevano detto assai bravo, coi baffi. Era proprio il figlio, ma lui non lo riconobbe. Era diventato importante: con orologio, anello al dito, barba in faccia. Il figlio lo riconobbe subito e disse nella sua mente: “È arrivato il momento! Io e te dobbiamo essere due. E poi vedremo chi ha ragione…”. E diede ordine all’infermiere di non farlo mai entrare.

Un’ora, due ore, tre ore…. Passò una mezza giornata. Il corpo si faceva sentire. Cominciò a dimenarsi sulla sedia. Cominciò a cambiare colore, non ne poteva più. Finché chiese il permesso, ma l’infermiere rispose che non c’era la possibilità di andare.

Quando cominciò a sentire freddo, il figlio, d’accordo con l’infermiere, lo chiamò e lo fece andare, dicendo che faceva una grande eccezione.

Nell’uscire tutto disteso e rilassato, disse rivolgendosi al medico: “In confidenza vi devo dire una cosa, prima che mi visitate… È proprio vero come diceva mio figlio che, nella vita, la migliore soddisfazione è una cacata!.

“Ah, – di rimando il figlio – finalmente, papà…. Ce n’è voluto per convincerti…”.