U PANNACCIARE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

‘Na vedeve che tenève ‘nu figghije babbigne e sfategate, pensaje de farle pruuà s’ère capace almene de fà u pannacciare quille che jeve vennenne i panne p’i strade.

Accattaje ‘na bella partite de téle e u mannaje ngìre, però u raccumannaje che nen l’avèva venne a chi parlave assaje pecchè u puteve ngiaramà.

U guagglione se metteje ngire p’i strade lucculanne: Bèlla fe’! chi vole ‘a téle?” ma, si quacche fèmmene u chiamave pe accattà ‘a tèle, isse pensanne che avève parlate già assaje, facève finte che nen avève sentute e se ne jeve.

Arrivaje nda ‘na ville ndò steve ‘na statue de ‘na fèmmene quase a nute.

U pannacciare pensaje subbete che quella fèmmene avève besugne da tèle pe accumegghiarse e seccome esse stéve citta citte, penzaje che se puteve fedà e ci’addumannaje si se vulève accatta ‘a tèle.

Seccome non respunnève, u guagglione decìje: Ta vògghije proprie dà pecché e parlate poche!”.

Pigghiaje a tèle e ci’arravugghiaje atturne cume na vèste e addumannaje: “Quanne me paghe?.

“Crà, crà!”, ruspunneje ‘na curnacchije che tenève u nide sope a l’areve arrète a statue.

U pannacciare, tutte cundende pe l’affare c’avéve fatte, turnaje a casa e raccundaje a mamme tutte cose.

U jurne doppe turnaje d’a statue pe addumannà: “Quanne me paghe?.

“Crà, crà!”, ruspunnèje n’ata vote ‘a curnacchije.

A stu punte, u pannacciare accumenzaje a ngazzarse e se ne jèje decènne: “Vide ca se ne me paghe manche craje, sonne guaije!”.

U terze jurne, avènne sentite ‘a curnacchije che decève: “Crà, crà!”, u guagglione, ngazzate cume n’u cifre, pegghiaje ‘na preta grosse e a menaje contre ‘a statue che se faceje a pizze e petazze, ma da esse ascirene fore tante marenghe d’ore, forse ammucciate dinde a statue da i bregante.

Decènne tutte cundènte: “Finalmènte m’a pagate!”, u pannacciare metteje u tresore nda tele, su carecaje sope i spalle e tornaje a case.

‘A mamme vedènne u figghije che tutte quilli solde, prime ammucciaje u tresore e doppe decèje o guaglione de mètterse sotte u balecone.

Mò, ‘a mamme, ‘a matine, avéve accattate nu ciste de civeze janghe e nireve e da u balecone i faceje cadè ngulle a chiane a chiane tutt’i civeze e, quanne ‘u guaglione, c’a vocca chijène, addumannaje che stève succedènne, respunneje: “Ninde, fìgghie mìje! stanne fiuccanne civeze janghe e nireve!.

‘A mamme decìje de nne dì ninde de quillu fatte, ma u jurne doppe u figghje se vantaje chi gènte che avève accise ‘na fèmmene e che ci’avève luvate n’u sacche de marenghe d’ore. ‘

‘A nutizie jèje e rècchije di carabbenìre e u guagglione fuje purtate annanze o marescialle.

‘A mamme accurreje subbete e accundaje che u figghije ère babbigne e che nen sapève manche isse quille che decève e pe cunvinge u Marescialle, addummannaje annanze a tutte: “Qualu jurne avisse accise quélla fémmene?”.

U guaglione respunnèje: “U jurne che fiuccavene civeze janghe e nireve!.

U Marescialle se cunvengèje che u guagglione decève tanta fessarije e u lebberaje.

 

IL VENDITORE DI STOFFE

Una vedova che aveva un figlio mezzo scemo e sfatigato, pensò di fargli provare se fosse stato in grado di fare il venditore ambulante di stoffe per le strade.

Comprò un buon quantitativo di tela e lo mandò in giro, però gli raccomandò di non vendere niente a chi parlava molto perché lo potevano abbindolare.

Il ragazzo si mise in giro per le strade, gridando: “Bella donna! Chi vuole la tela? Ma se qualche donna lo chiamave per comprare la tela, lui pensando che aveva parlato molto, faceva finta di non sentire e se ne andava.

Arrivò in una villa dove stava una statua di donna quasi nuda.

Il venditore di stoffe pensò subito che quella donna aveva bisogno della tela per coprirsi e siccome lei stava zitta zitta, pensò che si poteva fidarsi e le chiese se si voleva comprare la tela.

Siccome non rispondeva, il ragazzo disse: “Te la voglio proprio dare perché hai parlato poco”.

Prese la tela e gliela avvolse intorno come un vestito e chiese: “Quando mi paghi?”.

“Cra, cra!”, rispose un corvo che aveva il nido sopra all’albero dietro la statua.

Il venditore di stoffe, tutto contento per l’affare che aveva fatto, tornò a casa e raccontò tutto alla mamma.

Il giorno dopo tornò dalla statua per chiedere: “Quando mi paghi’”.

“Cra, cra!”, rispose un’altra volta il corvo.

A questo punto, il venditore incominciò ad arrabbiarsi e se ne andò dicendo: “Guarda che se non mi paghi neanche domani, sono guai!”.

Il terzo giorno, avendo sentito che il corvo diceva: “Cra, cra!”, il ragazzo, arrabbiato come un diavolo, prese una grossa pietra e la lanciò contro la statua che si fece a pezzi, ma da esse uscirono fuori tanti marenghi d’oro, forse nascosti dentro la statua dai briganti.

Dicendo tutto contento: “Finalmente mi ha pagato”, il venditore di stoffemise il tesoro nella tela, se lo caricò sopra le spalle e tornò a casa sua.

La mamma vedendo il figlio con tutti quei soldi, prima ammucciò il tesoro e dopo disse al ragazzo di mettersi sotto il baalcone.

Ora, la mamma, la mattina, aveva comprato un cesto di gelsi bianchi e neri e dal balcone gli fece cadere piano piano addosso tutii i gelsi e, quando il ragazzo, con la bocca piena, chiese che cosa stesse succedendo, rispose: “Niente, figlio mio! Stanne nevicando gelsi bianchi e neri!”.

La mamma disse dei non dire niente di quel fatto, ma il giorno dopo il figlio si vantò con la gente che aveva ucciso una donna e che le aveva tolto un sacco di marenghi d’oro.

La notizia andò alle orecchie dei carabinieri e il ragazzo fu portato davanti al Maresciallo.

La mamma accorse subito e raccondò che il figlio era mezzo scemo e  che non sapeva neanche lui quello che dicevam e per convincere il Maresciallo, chiese prima di tutto: “In quale giorno tu avessi ucciso quella donna?”.

Il ragazzo rispose: “ Il giorno che nevicavano gelsi bianchi e neri”.

Il Maresciallo si convinse che il ragazzo diceva tante stupidaggini e lo liberò.