U PAPPAGALLE E U PADRÓNE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Stéve nu pappagalle, chè tenéve nu cumbagne, e, quanne u vedìje accise e ppò’ cutte nd’a tièlle e i pènne misse nnd’a nu bucchire pe bbellemènde ammiz’a tàvele, sckandàje e ffacìje stu ggiuramènde: “È lluére ca ce sònghe, ma nzarrà maje ca fazze u pappagalle…. Sta bbrutta fine nn’a vògghje pròpreje fà!”.

Quèlle ‘a segnóre, ca ére pràteche assaje nd’a l’arta lègge, cume se n’addunàje chè u cumbagne éve fatte u rucche-rucche c’u marite, u ccedìje nganne tanne tanne a quillu voccapirte, ca facéve u spióne.

Mò’ u patróne, seccóme ére murte u pappagalle ca i déve tutte i nutizzeje, nzapéve pròpreje cum’éva fà. Allóre chiamàj’o cumbagne, u facìje prime magnà bbèlle bbèlle, po’’ i decìje: “Sinde nu póche, a vi’ sta grazzeje de Ddije ca t’agghje misse nnanze, quèste nen te l’agghja fà maje mangà; si po’ tu vuje pure chècchè ata cóse, baste ca tu m’u dice e ije sùbbete t’a porte. Tu, però, da mò’ da nanze, m’àja fà stu piacére. Quèlle mugghjèreme, quanne ije nge stènghe, face trasì a cchècchèvùne nd’a case, e ttu u saje bbune… Mò’, t’arraccumanne, statt’attinde e ffamme sapè tutte quille ca succéde”. “Sì, sì, ngarecanne”, respunnìje quille.

Se ne jije u patróne; ndande u pappagalle: “Si fazze u nguacchje, – decìje nd’a capa suje – m’attòcche pure a mmè ‘a sòrte ch’è ttuccate a quillu parlaprèste d’u cumbagne mije!”. E nze facìje frecà, nze vulìje vènne pe ‘na frònne nzalate, nen pepetàje, facìj’a vvedè sulamènde ca nn’éve viste e ssendute ninde.

Accussì, quanne u patróne u ddummannàje n’ata vóte pe ssapè quille ch’ére succisse nd’a case, u pappagalle se mbrestecalìje: “U vuje capì, cacchje!, – respunnìje arraggiate – chè a qqua chi se mbicce, rèste mbecciate, c’u cule chesute e a capa spennate?!…”.

 

IL PAPPAGALLO E IL PADRONE

C’era un pappagallo, che aveva un compagno, e, quando lo vide ucciso e poi cotto nella pentola, e le penne messe in un bicchiere per ornamento al centro tavola, si spaventò e fece questo giuramento: “È vero che lo sono, ma non accadrà mai che io faccia il pappagallo… Questa brutta fine non voglio proprio farla!”.

Era successo che la signora, la quale se ne intendeva di intrighi amorosi, appena si era accorta che il compagno aveva fatto il ruffiano con il marito, lo aveva ucciso lì per lì quel chiacchierone che faceva la spia.

Ora il padrone, dato che era morto il pappagallo che gli dava tutte le informazioni, non sapeva proprio dove battere la testa. Allora chiamò il compagno, lo fece prima mangiare con comodo, poi gli disse: “Ascolta un po’, lo vedi questo ben di Dio che ti ho servito, questo non te lo dovrò far mancare mai; se tu poi desideri qualche altra cosa, basta che tu me lo dica e io te lo porterò subito. Tu, però, da questo momento, mi devi fare un favore. Quando io non ci sono, accade che mia moglie fa entrare in casa qualcuno, e tu lo sai bene… Ora, ti raccomando, sta’ attento e fammi sapere che cosa succede”. “Sì, sì, non ti preoccupare”, rispose quello.

Il padrone se ne andò; intanto il pappagallo: “Se faccio questo errore, – diceva tra sé – toccherà anche a me la sorte che è toccata a quel ciarlone del mio compagno!”. E non se la fece fare, non volle vendersi per una fogliolina d’insalata, non fiatò, fece finta soltanto di non aver visto e sentito nulla.

Così, quando il padrone si rivolse a lui per sapere che cosa era successo in casa, il pappagallo si arrabbiò: “lo vuoi capire, cacchio!, – rispose sdegnato – che qui chi s’intriga nei fatti altrui, si compromette e finisce col culo cucito e la testa spennacchiata?!…”