U PEZZÈNDE ZÙPPE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

 Tratto dal libro “LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA” di Giuseppina Bellucci

Nu ggiovene furretane s’ère mbambalúte pe ‘na fegghjulètte ggiovene, bbèlle e ricche.

Mò ‘a mamme de èsse nen ci’a vuléve dà, pecché isse ntenéve nné arte, nné parte.

U ggiovene però fernechijave pe sta fegghjulètte e penzaje de jì sópe e jiresille a pegghjà.

Pe nen farese canossce, se vesteje da vécchje, tutte nzunzúse pe fa u pezzènde e che nu bbastóne pe fa u zùppe.

Accussì jeje, tuzzulaje e nghianaje.

Cúm’u vedíje ‘a segnóre, decije: “Che vùje povere vécchje, vuje nu poche de pane?”.

E u ggiovene: “No segnóra míje che u pane u tènghe íje”.

Che vùje nu poche de case?”.

No segnóra míje, che u case u tènghe íje”.

E ‘a segnóre: “Che vùje nu poche de carne?”.

E u pezzènde: “No segnóra míje che ‘a carne à tènghe íje”.

‘A segnóre s’accumenzave a stuffà: “E vùje nu poche de pèssce?”.

“No segnóra míje che u pèssce u tènghe íje”.

“E vularrisse ‘a segnuríne?”.

E u pezzènde tutte cundènde: “Si, segnóra míje, accussì me passe ‘a fernesíje. Si, segnóra míje, accussì me passe ‘a fernesíje!”.

 

IL PEZZENTE ZOPPO

Un giovane contadino si era innamorato di una giovane ragazza, bella e ricca.

La mamma di lei non gli voleva concedere la mano, perché lui non aveva ne un mestiere e ne un lavoro.

Il giovane però pensava sempre a questa ragazza e pensò di andare sopra la casa di lei e prendersela.

Per non farsi conoscere, si vestì da vecchio, tutto sporco per fare il pezzente e con un bastone per fare lo zoppo.

Così andò, bussò e salì.

Come vide la signora, disse: “Cosa vuoi, povero vecchio, vuoi un poco di pane?”.

E il giovane: “No signora mia perché il pane lo tengo io”.

“Che vuoi un poco di formaggio?”.

“No signora mia perché il formaggio lo tengo io”.

E la signora: “Che vuoi un poco di carne?”.

E il pezzente: “No signora mia perché la carne la tengo io”.

La signora incominciò a spazientirsi: “Vuoi un poco di pesce?”.

“No signora mia perché il pesce lo tengo io”.

“Vorresti la signorina?”.

E il pezzente tutto contento: “Si, signora mia, così mi passa la frenesia. Si, signora mia, così mi passa la frenesia!”.