U PÌNNELE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

  

 

COSTANTINO CATAPANO

U pìnnele

A matìne, u prime penzìre,

èje a vìa da crestallìre;

mène abbasce nu pìnnele e tire a campà,

sènza capì cchè male i pò fà.

Tène assaje na grossa pavure

d’avè quacche crejature;

nen ce pénze o fà vede

chè se n’è scurdate

chè quanne s’è spusate,

u prevete ci’à ditte:

« crescite e multeplecate ».

« Anè, mò nenn’è cchiù l’èbbeche, nnè l’ore

du scrupele ca facève mammagnòra ».

 

La pillola

La mattina, il primo pensiero,

è la strada verso la cristalliera;

inghiotta una pillola e continua a vivere,

senza capire gli effetti collaterali.

Ha una grossa paura

di rimanere incinta;

non ci pensa o fa finta

che si sia scordata

che quando si è sposata

il prete le ha detto:

« crescete e moltiplicatevi ».

«Ora, non è più l’epoca ne l’ora

dello scrupolo che faceva mia nonna ».