U PIZZEPALUMME

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

U PIZZEPALUMME 

Ogge sóp’a tavele d’ógne luceríne

‘a Stráde Cimíne, a Meriche e a Turíne,

éssce a lúteme a umma-umme

cum’è tradezzióne u pizzepalumme.

 

Ce stáce púre ‘a colombe e l’óve de ciucculáte

ma pe núje sò cóse tutte arrangiáte,

pecchè ce piacène quille ggenuuíne

fátte che óve, zucchere, lìvete e faríne.

 

Nu doce fátte a poche prèzze

anzime a tánda prejézze e spenzeratézze,

grusse, tunne e saprríte

che a magnartille te véne da cápe l’appetíte.

 

Ma doppe ttre fèlle stàje cúm’e nu chjúmme

pecchè te magnáte u pizzepalumme,

e pò nen decènne che t’è rumáste ngánne

pecchè pe n’ata fèlle adda passà n’at’anne.

 

IL “PIZZEPALUMME”

Oggi sulla tavola di ogni lucerino

a Lucera, in America e a Torino,

alla fine del pranzo quasi all’improvviso

viene portato come da tradizione il “pizzepalumme”.

 

Ci sono pure la colomba e l’uovo di cioccolato

ma per noi sono cose sofisticate,

perché ci piacciono quelle genuine

fatte con uovo, zucchero, lievito e farina.

 

Un dolce preparato a poco prezzo

insieme a tanta gioia e spensieratezza,

grosso, tondo e saporito

che a mangiarlo ti torna l’appetito.

 

Ma dopo tre fette ti sei appesantito,

perché ti sei mangiato il “pizzepalumme”.

e non dire che ti è rimasto in gola

perché per un’altra fetta deve trascorrere un anno.