U PULECENÈLLE DE CARTE

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

 

U PULECENÈLLE DE CARTE

P’atterà ‘a curiusetà e pe dà u ndertíne e crijatúre se facéve u Pulecenèlle de carte.

Se pegghjavene duje foglje  de carte:

  • Che vúne se facéve nu cúppe e nu poche cchjù sòtte d’a ponde se desegnavene l’úcchje, u nase e ‘a vocche. Cchjù abbassce, a i late d’u cúppe, c’a ponde d’i díte, se strazzave nu poche de carte pe fa duje pertúse.
  • Che n’avete, chjegate cúme ‘na fesarmoneche, se tagghjave a llunghe fin’a mmetà.

Se separavene i doje parte e se feccavene d’a sotte u cúppe e se facévene asscì da i pertúse de  late.

Sti doje strissce érene i vrazze de Pulecenèlle e se muuèvene sòtt’e sópe quanne se terave o se vuttave c’a mane, u cape che stéve sotte u cúppe.

Tutte u muumènde venéve accumbagnate da felastrocche e canzungíne.

 

IL PULCINELLA DI CARTA

Per attirare la curiosità e per intrattenere i bambini si costruiva il Pulcinella di carta.

Si prendevano due fogli  di carta:

  • Con uno si faceva un cono e un poco più sotto della punta si disegnavano gli occhi, il naso e la bocca. Più in basso, ai lati del cono, con la punta delle dita, si strappava un poco di carta per fare due buchi.
  • Con l’altro, piegato come una fisarmonica, si tagliava in lungo fino alla metà.

Si separavano le due parti e s’infilavano dalla parte inferiore del cono e si facevano uscire dai fori laterali.

Queste due strisce erano le braccia di Pulcinella e si muovevano sotto e sopra quando si tirava o si spingeva con la mano, la parte che stava sotto il cono.

Tutti i movimenti venivano accompagnate da filastrocche e canzoncine.