U REMBRÓVE È SSÈMBE BBUNE!…

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Quanne, tande e ttanda timbe fà, Menzegnóre mmetàje a ppredecà a quarèseme nu mòneche frangescane ca stéve nd’a nu cummènde lundane lundane, s’arrebbellàje u munne. Tutte quande jèvene’a cchjise, ca éven’a sènde stu mòneche, chè decèvene ca ére brave assàje.

Citte, tutte  quande u stèven’a ssènde, tramènde ca isse facéve bbèlle tanda trscurze lunghe e ddeffìcele.

Mò’, i jurne passàvene e quilli puvurille ngapèvene ninde, pecché u mòneche parlave, parlave, ma ne nze n’addunave ca i crestijane, ggnurande cum’érene, se geràvene arréte, se guardàvene maravigliate, sturcèvene u musse, sgregnàvene tutte scundènde.

A l’ùteme d’i cunde, maste Frangische, ca ére scarpare e ére tutt’isse, nz’a fedàje cchjù e, ‘na sére, cume u mòneche fenìje de predecà, u jije appirze nd’a sacrestìje. “Zi mò’, – i decìje – ne mme decènne ninde, ma t’agghja dì ‘na cóse… Sine, u sacce ca tu sì nu felòsefe e nu predecatóre mburtande; ma ne ngréde ca tu nen te ne sì ddunate, a qqua so qquase tutte quande fèmmene de case, cafune e ppecurare; e ppò’ ce stace pure chècchè scarpare o cusetóre, chècchè ferrare o maste d’assce: tutte gènde, chè sti bbèlle trascurze, e nne ng’è dubbje, ca tu faje, n’i póte pròbbete capì, pecché so ttròppe gàvete e ddeffìcele. Mò’, sind’a mmè, vide ch’àja fà, cirche de parlà bbèlle, sèmblece sèmblece, c’u córe mmane. Ije, u vi’, t’u vògghje pròbbete dì ngumbedènze… Quisti qua stanne ngacchjate bbune e, si tu cundinue accussì, ‘a quarèseme da mò’ da nanze tu ‘a predechìj’e chelònne d’a cchjise, pecché a qqua nge véne cchjù nessciune… Mé’, ije mò’ me ne vache e, tu diche n’ata vóte, zi mò’, ne mme decènne ninde, bbad’a quille ca faje!…”.

“Sì, sì, maste Frangì’, agghje capite, – respunnìje u mòneche nu póche mbaverute – va bbune, te vògghje tenè cundènde; vine craje e vvide chè ssuccéde.

‘A sére appirze, u mòneche, ch’éve capìte c amaste Frangische nen pazzijàve, accussì angegnàje: “Beneditte quillu Ddije ch’à ccrijàte tanda pècure e ppecurèlle, tanda ciucce e cciucciarille, tanda cane e ccacciunille, tanda gatte e ggattarille, tanda cavalle, mule e vvóve…”, e accussì cundunuàje fin’e cchè fenìje ‘a prèdeche.

Citte, a gènde stév’a ssènde… Finalmende nessciune cchjù se sturcéve sop’a sègge opuramènde sgregnave!.

Allóre jije maste Frangische, se geràje e: “u rembróve è ssèmbe bbune!…”, decìje tutte cundènde.

 

IL RIMPROVERO È SEMPRE UTILE!…

Quando, tanto e tanto tempo fa, il vescovo invitò a predicare, nei giorni di quaresima, un frate francescano che viveva in un convento lontano, tutti si misero in agitazione. Si affrettarono ad andare in chiesa, la sera, per ascoltare il frate, che tutti dicevano essere molto bravo.

In silenzio, pendevano dalle sue labbra, mentre lui faceva dei discorsi lunghi e complicati.

Ora, più passavano i giorni, più quei poveretti non capivano nulla, perché il frate parlava, parlava, ma non si accorgeva che le persone, nella loro ignoranza, si voltavano indietro, si scambiavano sguardi di meraviglia, storcevano le labbra, facevano smorfie d’insoddisfazione.

Alla fine, mastro Francesco, che era un calzolaio ed era il più preparato, non resistette più e, una sera, appena il frate terminò la predica, lo seguì i sacrestia. “Padre, – gli disse – non offenderti, ma ti devo fare un appunto… Sì, lo so che tu sei un filosofo e un predicatore importante; ma non credo che non ti sei reso conto, qui le persone sono quasi tutte casalinghe o cafoni e pastori; e poi c’è pure qualche calzolaio o sarto, qualche fabbro o falegname: tutta gente, che questi bei discorsi, e non c’è dubbio, che tu fai, non li può apprezzare e non li può comprendere, perché sono troppo elevati e difficili. Ora, ascolta, cerca di fare delle prediche più alla nostra portata, vedi di parlare col cuore in mano, con semplicità. Io, ecco, te lo voglio proprio dire in confidenza… Questi qui sono davvero arrabbiati e, se tu continui così, da ora in poi la quaresima la predicherai alle colonne della chiesa, perché qui non verrà più nessuno. Bene, io ora me ne vado e, te lo ripeto ancora una volta, sta’ attento a quello che fai!…”. “Sì, sì, mastro France’, ho capito, – rispose il frate alquanto intimorito – va bene, voglio accontentarti; vieni domani e ne avrai la prova”.

La sera seguente, il frate, che ormai aveva capito che mastro Francesco non scherzava, così incominciò: Benedetto quel Dio che h creato tante pecore e pecorelle, tanti asini ed asinelli, tanti cani e cagnolini, tanti gatti e gattini, tanti cavalli, muli, e buoi…”, e così proseguì fino al termine della predica.

In silenzio, la gente stava ad ascoltare… Finalmente nessuno più si agitava sulla sedia o faceva smorfie!.

Allora mastro Francesco si voltò e: “Il rimprovero è sempre utile!….”, disse tutto soddisfatto.