U RESPÈTTE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “Ce stéve ‘na vóte……a’kkussì s’akkundav’a Llucére” di Pasquale Zolla

Ce stéve ‘na vóte ‘na sógre e ‘na nòre ca nze putèvene próbbete vedé.

Nu jurne ‘a sógre cadìje malate e ‘a nòre, pe ffà à vvedè, pure pecchè abbetave vecìne a casa suje, ‘a jìje a ttrùuà.

U marite, quanne turnaje da fóre, decìje a mugghjére: “Cùme stace mamme?”.

E ‘a mugghjere: “Stace mègghje de mè e dde tè!”.

Sinde a mme – decìje u marite – mò, tu vaje e ci’addummanne si vóle nu póche de latte!”.

‘A mugghjére jìje d’a sógre e decìje: “Uè mà, te vuje mètte i recchjìne d’óre?”.

‘A sógre i respinnìje: “Nò… nò!… Che nn’agghja fà!”.

‘A mugghjére turnaje a case e ddecìje o marìte: “Nen vóle ninde!”.

U marìte spacejendate, i decìje: “Vide, alméne, se vóle nu póche de paste mbróde!”.

‘A mugghjére, che ‘na sanda paciènze, returnaje d’a sógre e i decìje: “Uè mà, te vuje mètte ‘a cullane c’u bberlocche d’óre?”.

E ‘a sógre: “Ma sì ssciute de cape?…. Che men’agghja fà!”.

Quanne turnaje a case, nu poche ngazzate decìje o marìte: “Nne vvóle ninde!…. Próbbete ninde!”.

E ‘a mugghjére: “Cùme te l’agghja dì ca nen vóle ninde de ninde!?… Candanne o ballanne?!.

U marìte decìje: “Méh, u saje che ‘a vecchjarèlle vóle quacche ceremoneje!….. Falle pe mmè!”.

‘A mugghjére che ‘na facccia bbrutt’assaje, jìje d’a sógre e i decìje: “Te vuje mette i scarpe d’a fèste?”.

E ‘a sógre: “E cche me n’agghja fà!…. Nd’u litte ch’i scarpe!…. Mìche stènghe pe mmurì!”, e facìje c’a mane, ammucciate sótt’o lenzule, i córne.

‘A mugghjére turnaje a case e cche ‘na vvóce tòsta tòste decìje o marìte: “U vuje capì o nò che mammete nen vóle ninde?!”.

E se mettìje a ppreparà ‘a tavele pe magnà nu poche de panecutte!.

 

IL RISPETTO

C’era una volta una suocera e una nuora che non si sopportavano.

Un giorno la suocera si ammalò e la nuora, per far vedere, anche perché abitava vicino a casa sua, andò a trovarla.

Il marito, quando tornò dalla campagna, disse alla moglie: “Come sta mamma?”.

La moglie rispose: Stà meglio di me e di te!”.

“Sentimi – disse il marito – ora, tu vai e le chiedi se vuole un poco di latte!”.

La moglie andò dalla suocera e le disse: “Ehi mamma, ti vuoi mettere gli orecchini d’oro?”

La suocera le rispose: “No.….. no!…..Cosa ne devo fare!”.

La moglie tornò a casa e disse al marito: “Non vuole niente!”.

Il marito spazientito, le disse: “Vedi, almeno, se vuole un poco di pasta in brodo!”.

La moglie, con una santa pazienza, ritornò dalla suocera e le disse: “Ehi ma’, ti vuoi mettere la collana con il ciondolo d’oro?”

E la suocera: “Ma si fuori di testa?…. Cosa me ne devo fare!”.

Quando tornò a casa sua, un poco arrabbiata, disse al marito: “Non vuole niente!…. Proprio niente!”.

E la moglie: “Come te lo devo dire che non vuole niente?…… Cantando o ballando?!”.

Il marito disse: “Dai, lo sai che la vecchietta vuole un poco di moine!……Fallo per me!”.

La moglie con una faccia contarriata, andò dalla suocera e disse: “Ti vuoi mettere le scarpe della festa?”.

E la suocera: “E che cosa ne devo fare!….. Nel letto con le scarpe!….. Ancora non sto per morire!”, e fece con la mano, nascosta sotto il lenzuolo, le corna.

La moglie tornò a casa e con voce dura disse al marito: “Lo vuoi capire o no che tua madre non vuole niente?!”

E si mise a preparare la tavola per mangiare un poco di pancotto.