U RIZZE E ‘A VÒLEPE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Pe nze fa ngappà da i cane, u rizze jij’a ffenèssce nd’a tane de ‘na vòlepe e i ddummannàje de farl’ammuccià nd’a nu zinne. ‘A vòlepe, seccóme pure èsse tenéve pavure d’i cane, decìje ca sì.

E, mèndre stèven’accussì ggnune p’i fatte suje, quanne pigghj’e, chiane chiane, nu póch’a vóte, u rizze angegnàj’a bbuttàrese, cacciàje i pùngeche e vvuttàje ‘a vòlepe fin’a pòrte d’a tane.

‘A vòlepe apprime guardàje sulamènde e u facìje fà sènza di manghe ‘na paróle, po’’ ccumenzàj’a pruccupàrese, penzàje: “A qqua ‘a patróne sòngh’ije!”. Allóre se ngujataje, ma quille ‘a facìje sùbbete stà citte pecchè i decìje:

“Chi se pòngeche èssce fóre!”,

E ss’abbuttàje angóre de cchjù e ccacciàje ndutte ‘a vòlepe fóre d’a tane e s’a magnaje u cane.

Pure da stu fatte nasscìje u ditte:

“Chi se despiace d’a carne de l’avete, ‘a suje s’a maggnene i cane!”.

 

IL RICCIO E LA VOLPE

Per non farsi acciuffare dai cani, un riccio si rifugiò nella tana di una volpe e la pregò di farlo nascondere in un cantuccio. La volpe, poiché anch’essa aveva paura dei cani, acconsentì.

E, mentre  stavano così ognuno per conto suo, ecco che, piano piano, un p’ alla volta, il riccio cominciò a gonfiarsi, tirò fuori gli aculei e spinse la volpe verso l’ingresso della tana.

La volpe prima guardò soltanto e lo lasciò fare senza dire nemmeno una parola; poi cominciò a preoccuparsi e pensò: “Qua la padrona sono io!”. Allora si arrabbiò, ma quello la mise subito a tacere: “Chi si punge esca fuori!”, le disse. E si gonfiò ancora di più e cacciò completamente la volpe fuori della tana.

Da questo fatto forse nacque il detto: “Chi si dispiace della carne degli altri, la sua se la mangiano i cani