U RRÈ VAVÚSE NEN U VOGGHJE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA” di Giuseppina Bellucci

Ce stève ‘na vote ‘na prengepèsse ca nen ze vuléve capà nu maríte.

Nn’i jéve bbune nissciúne.

Nu júrne mmetarene a’ ‘na fèste tutt’i prìngepe d’u régne, allóre ‘a prengepèsse se capaje vune che ère i sètte bbellìzze, bbionde, àvete, chi capille lonne lonne.

Quanne i prìngepe magnavene esse se mettíje a spijà da u bbuche d’a porte e vedije che a stu prìngepe bbèlle i cadeje nu poche de magnà d’a vocche.

Allore se mettíje a lucculà: “U rrè vavúse nen u vogghje”.

Feguramece stu povere prìngepe, se ne fujíje arraggiate e se mettíje ngape che ce l’avarríje fatte scundà.

Turnaje dope ‘na vendine de jurne vestíte da uardiane d’i púrche e se mettíje a servìzzeje d’u rrè senza farse canossce.

Tutt’i sére jéve sott’a fenéstre d’a prengepèsse e ca ‘na chetarre mmane, se mettéve a candà.

Tande facíje e tande decíje che a facíje nnammurà.

Quanne èsse se fuje cotte bbèlla bbèlla, i decíje: “Te ne vuje scappà che me?”.

Accussì se ne fujirene.

Cammine e cammine, sèmbe allappide, a èsse se rumbíjene apprime i scarpe, po’ i cavezètte e po’ se strappajene tutt’i píde, ma nen se fermavene maje.

Finalmènde arrevarene a u palazze de isse e s’alluggiarene dinde a stalle.

U prìngepe decíje a èsse ca se vuléve magnà s’avéve mette a servìzzeje d’a reggíne e èsse che tenéve fame jíje sópe e se mettíje a fategà.

U prìngepe se díje a ccanossce a mamme e decíje de fà fategà assaje a prengepèsse e de guardà che se mettéve mbítte quanne sscènneve.

‘A reggíne i truvaje u pane, u case e tutte quille c’avéve arrubbate pe fa magnà a isse, ca u vuléve tanta bbène.

Po’ isse i decíje d’arrubbà u percalle pe fà i cammesèlle p’u crijatúre c’avéve nassce.

Èsse chiagnéve, arrubbave e a sère cuséve.

‘A reggíne se mettéve a cumbassióne e decéve che ère state gastegate ‘a bbastanze, ma u prìngepe vuléve aspettà n’atu poche.

Sole quanne arrevaje c’avéva sgravà, tramènde durméve ‘a purtaje sópe u palazze, ‘a facíje mètte nda ‘a cchjù bbèlla camere, nda nu litte tutte d’ore e quanne èsse se scetaje cu nu bbèlle masculone vecine se díje a ccanossce.

Nen te díche ‘a ggioje d’a prengepèsse che avéve tande patute.

Se spusarene e cambarene cinde anne cundènde.

 

IL RE BAVOSO NON LO VOGLIO

C’era una volta una principessa che nen voleva scegliere nessun marito.

Non le andave bene nessuno.

Un giorno invitarono ad una festa tutti i principi del regno, allora la principessa si scelse uno che era molto bello, biondo, alto, con i capelli ondulati.

Quando i principi mangiavano, lei si mise a spiare da un buco della porta e vide che al bel principe gli cadde un poco di mangiare dalla bocca.

Allora si mise a gridare: “Il re bavoso non lo voglio”.

Il povero principe ci rimase male e se ne scappò molto arrabbato e giurò a se stesso che gliela avrebbe fatta scontare.

Tornò dopo una ventina di giorni vestito da guardiano di maiali e si mise al servizio del re senza farsi riconoscere.

Tutte le sere andava sotto la finestra della principessa e con la chitarra si metteva a cantare.

Fu talmente convincente che la fece innamorare.

Quando lei fu molto innamorata, le disse: “Vuoi scappare con me?”.

Così decisero di scappare insieme.

Camminarono molto, sempre a piedi, a lei si ruppero prima le scarpe, dopo le calze e poi si ferì tutti piedi, ma nen si fermavano mai.

Finalmente arrivarono al palazzo di lui e andarono ad alloggiare nelle stalle.

Il principe le disse che se voleva manciare doveva mettersi al servizio della regina e lei che aveva fame andò subito sopra e si mise a lavorare.

Il prìncipe si fece riconoscere dalla mamma e disse di far lavorare molto la principessa e di guardare cosa nascondeva in petto quando scendeva.

La regina le trovò il pane, il formaggio e tutto quello che aveva rubbato per far mangiare il principe, che lo amava tanto.

Il principe le disse di rubare anche il percalle per fare le camicine per il bambino che doveva nascere.

Lei piangeva, rubava e alla sera cuciva.

La regina si dispiaceva e diceva che era già stata abbastanza casticata, ma il principe voleva aspettare un altro poco.

Solamente quando arrivò il momento che doveva partorire, mentre dormiva la portò sopra il palazzo, la fece mmettere nella camera più bella, in un letto tutto d’oro e quando lei si svegliò con un bel maschione vicino, si fece riconoscere.

La gioia della principessa fu grande dopo tanti patimenti.

Si sposarono e vissero contenti per cento anni.