U SCAZZAMURILLE, ‘A PANDASÈME, U LUPUNARE E U PAPÓNE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Ah, u scazzamurille? U vulìte pròbbete sapè? Mè’, venìt’a qqua, assettàteve atturn’o vrascìre, vecin’o fuche, e stìteve bbèlle citte-citte, ca mò’ v’u diche ije chi éje u scazzamurille.

Dunghe, u scazzamurille – m’arrecòrde c’accussì m’accundave pàteme quanne ije éve crijatùre – éve nu crestìjane pecceninne pecceninne, chè tenéve sèmbe ‘na scazzètta ròsscia ngape e ggerave p’i case, ndò pegghjave pe ffèsse a ttutte quande.

Nd’a unu uà facéve squagghjà i rròbbe ca stèvene dind’a case e ppò’, nd’a unu uà, i facéve asscì n’ata vóte; quanne po’’ i crestijane durmèvene, se mettéve sop’a panze e, mbacc’i dòje, i trè de notte, i facéve sscetà, e ssi chècchèvùne i rrubbave ‘a scazzètte, tanne se ngazzave bbune e ffacéve móde e mmanìre ca l’avéva vè ndréte n’ata vóte. Ce déve tanda marènghe d’óre a qqulle chè l’éve arrubbate e cce l’éve date ndréte, però, dòppe nu póche de timbe, quilli marènghe d’óre devendàvene nu mendóne de cènere e ccarvune.

Adavèramènde u scazzamurille ne nn’éve pròbbete malamènde, tenéve sulamènde quillu bbrutte vizzeje ch’éva fà i despitte ‘e ggènde e éva pazzìjà, sennò ne nn’éve cchjù isse.

Quill’àvete, i cumbagne suje, sì ca èrene malamènde e ffetinde assàje. Prime de tutte, ‘a pandàseme, ca jéve geranne tutt’a nòtte arravugghjate nd’a nu lenzule janghe, e pprime s’ammucciave e ppò’ asscéve allassacrése.

Pò’ ce stève u lupunare, chè, quanne de nòtte asscéve a luna chjéne, se mettéve arrét’i pòrte e ggrattave che quill’ògne lònghe e rraccóse, e lucculave tutt’arraggiate.

Ne mbarlàme po’ d’u papóne, ca pe ttande ca éve bbrutte (Ddije ce ne scanze e llibbre!), si chècchèvùne allassacrése u nummenave, facévesckandà i gènde, pìccule e ggrusse. Avìta penzà, guagliù’, ca i mamme pe ffà stà citte ‘e crijatùre i decèvene: “U ui’, u ui, mò aèssce u papóne!…. U ui’, u ui’, mò véne!….”.

 

LO “SCAZZAMURILLE”, IL FANTASMA, IL LUPO MANNARO E LO SPIRITO MALIGNO

Ah, lo “scazzamurille”? Lo volete proprio sapere? Su, venite qua, sedetevi attorno al braciere, vicino al fuoco, e state zitti, che ora vi dico io chi è lo “scazzamurille”.

Dunque, lo “scazzamurille” – mi ricordo che così mi raccontava mio padre quando ero bambino – era un uomo piccolo piccolo, che aveva sempre il berretto rosso in testa e girava per le case, dove si prendeva gioco di tutti.

Di colpo faceva sparire gli oggetti nella casa e poi, in un attimo, li faceva riapparire; quando poi le persone dormivano, si sistemava sulla loro pancia e, verso le due, tre di notte, provocava gli incubi, le terrorizzava e le faceva svegliare di soprassalto, e se qualcuno gli rubava il berretto, allora si inquietava sul serio e faceva di tutto per riaverlo. Dava tanti marenghi d’oro a quelloche aveva rubato il berretto e poi gliel’aveva restituito, però, dopo un po’ di tempo, quei marenghi d’oro diventavano un mucchio di cenere e carboni.

Veramento lo “scazzamurille” non era proprio cattivo, aveva solo quel brutto difetto che doveva fare i dispetti alla gente e doveva scherzare, altrimenti non era lui.

Quegli altri, i compagni suoi, sì che erano cattivi e molto malvagi. Il fantasma, innanzitutto, che si aggirava tutta la notte avvolto in un lenzuolo bianco e prima si nascondeva e poi all’improvviso riappariva.

Poi c’era il lupo mannaro,che, quando di notte sorgeva la luna piena, si fermava dietro le porte e grattava con le sue unghie lunghe e sporche, e urlava di rabbia.

Per non parlare dello “spirito maligno” (u papóne), che per la sua bruttezza (Dio ci liberi!), se a qualcuno capitava di farne il nome, era motivo di terrore per grandi e piccini. Dovete pensare, ragazzi, che le mamme per ottenere prontamente il silenzio dai loro piccoli dicevano: “Ecco, ecco, adesso arriva il ‘papóne’…. Eccolo, eccolo che viene!….”.